Emanuele Zago racconta il suo Ocean: “volevo smuovere qualcosa in me”

NewTuscia – VITERBO – Il singolo “Ocean” di Emanuele Zago è uscito poco più di due mesi fa. Fin da subito ha tenuto testa a molti artisti emergenti posizionandosi, per ben sei settimane consecutive, all’interno della classifica degli artisti indipendenti stilata ogni settimana sulla base dei gradimenti radiofonici dei brani. Un risultato degno di rispetto per il cantautore viterbese che ha deciso di raccontare le origini del suo primo brano autoprodotto in collaborazione con Nuova Santelli Music.

Ocean è ciò che abbiamo dentro, ciò che alice serrasolo noi possiamo vedere e solo noi decidiamo di mostrare a chi vogliamo, a chi scegliamo. Ho scritto questa canzone dedicandola ad una ragazza. Mi sono trovato a pensare che lei, dentro sé, avesse un mondo che inizialmente faticava a mostrarmi, aveva difficoltà a farmici entrare. Nella canzone- prosegue Zago– io le chiedo di darmi un motivo per affrontare le nostre difficoltà facendomi entrare nel suo mondo (give me the reason, just let me drive in your Ocean). Ocean è quindi una metafora del nostro io più interno e più nascosto”.

In merito alle sue aspettative sul brano, Emanuele- con l’umiltà che lo contraddistingue- racconta: <<mi aspettavo di cominciare a fare più sul serio. Volevo smuovere qualcosa in me, non nel pubblico. La musica che faccio è qualcosa di mio, qualcosa di molto personale e, in quanto tale, è come se mi fossi trattenuto fino ad ora, aspettando, mettendo insieme i pezzi, raccogliendo ciò che poi ho scelto di far uscire. Non volevo mostrarmi troppo, ma ciò che ho voluto mostrare di me l’ho mostrato attraverso la musica>>.

Emanuele, umile ma ambizioso, ha comunicato attraverso la sua pagina Facebook di essere pronto ad iniziare le registrazioni del suo prossimo album che includerà, oltre ad Ocean, altri nove brani.