Viterbo, il teologo e docente di Sacra Scrittura, p. Giovanni Boggio, verrà ricordato oggi presso il Seminario diocesano

di Stefano Stefanini

NewTuscia – VITERBO – Come ci ricorda Mario Mancini, presidente dell’Unione Cattolica della Stampa Italiana di Viterbo, all’inizio della scorsa estate, il 30 Giugno, all’età di 83 anni, Padre Giovanni Boggio è tornato alla casa del Padre. Chi ha condiviso con lui il grande impegno religioso e culturale, ma anche quello di comunicatore professionalmente valido sente la necessità di ricordarlo.  P. Ignazio Martelletto, che è stato suo compagno fin dagli studi giovanili condividerà con i comuni amici il suo ricordo, giovedì 19 ottobre alle 17:45 al Seminario Diocesano di Viterbo, in Piazza S. Lorenzo, 1.

duomo-di-viterbo2Per tracciare l’impegno dello studiodso e docente Riportiamo un profilo biografico curato dall’Istituto teologico S. Pietro di Viterbo. Padre Giovanni era nato a Torino il 19 settembre 1934.  Ad 11 anni fu nella scuola apostolica di  Sommariva Bosco dove frequentò le cinque classi del ginnasio, 1945-1950. A Vigone fece il noviziato terminato con la prima professione il giorno 8 ottobre 1951.

Per due anni fu studente a Ponte di Piave, quindi concluse a Pocapaglia gli studi superiori e in quella scuola apostolica rimase per gli anni del tirocinio. A Pocapaglia fece la professione perpetua il 15 ottobre 1957.   Dal 1957 al 1962 fu studente di teologia a Viterbo. Il 18 marzo 1962 fu ordinato sacerdote a Viterbo. Prete novello fu per un anno insegnante nella scuola apostolica di Sommariva del Bosco. Dal 1963 al 1966 fece parte della comunità dell’Oratorio San Paolo in Roma.

Conseguì la licenza in teologia la Laterano nel 1964 e la licenza in Sacra Scrittura nel 1966 presso l’Istituto Biblico. Nell’anno accademico 1966-1967 fu a Gerusalemme.

Dal 1967 al 2011 fu insegnante presso l’Istituto Teologico San Pietro (Viterbo) di Sacra Scrittura-Antico Testamento, Introduzione generale alla Sacra Scrittura, lingua ebraica e greca, e dal 2011 ad oggi docente emerito.  Fu anche insegnante all’Istituto Salesiano Cremisan in Israele e alla Pontificia Università della Santa Croce in Roma.  Per molti anni fu redattore-direttore di Vita Giuseppina e di Lettere Giuseppine; come membro del Centro Storico ha curato la pubblicazione degli Scritti del Murialdo.

Difficile qui ricordare anche le numerose pubblicazioni di don Boggio, che oltre alle numerose ore di scuola fu collaboratore di riviste per l’approfondimento della Parola di Dio, vicepresidente dell’Associazione Biblica ecumenica, autore di commenti a libri della Sacra Scrittura.  Molti confratelli devono a lui la conoscenza della Sacra Scrittura e l’amore alla conoscenza sempre più seria e profonda della Bibbia. (Istituto teologico S. Pietro di Viterbo).