Il Rettore Unitus Alessandro Ruggieri interviene a European Week of Regions and Cities

2NewTuscia – VITERBO – Nell’ambito della manifestazione European Week of Regions and Cities si è svolto mercoledì 11 l’evento ‘COHESION POLICY AT STAKE: WHY WE STILL NEED IT?’ organizzato dal consorzio Europe of Traditions. Il consorzio è composto di diverse regioni: Regione del Veneto, Fundación Galicia Europa, Regione Lazio, Kujawsko-Pomorskie Region, Norte de Portugal Region, Nordland Region, Opolskie Region, Union of Municipalities of Attica Region, Silesia Region, Union of Municipalities of South Aegean Region.  L’evento si è concentrato sul delicato tema della Politica di Coesione post 2020 per cui ogni partecipante ha portato esempi e best practice ed ha infine dato la sua opinione su quale dovrebbe essere il futuro dei Fondi Strutturali. La Regione Lazio è stata rappresentata dal Magnifico Rettore Alessandro Ruggieri che ha portato come esempio concreto il progetto H2020, SCREEN Synergic  Circular Economy across European Regions.

Il progetto SCREEN, come ha spiegato il professor Ruggieri, sta definendo alcuni aspetti fondamentali della futura Politica di Coesione quale ad esempio l’utilizzo sinergico dei fondi strutturali con i fondi europei a gestione diretta nel quadro dell’Economia Circolare. Infatti, SCREEN sta identificando delle catene di valore tra diverse regioni, con l’obiettivo di finanziare sempre più progetti che mettono in pratica l’Economia Circolare, nuovo paradigma economico fondamentale per l’avvenire secondo le Istituzioni Europee. Nell’ambito di questo confronto, la Regione Lazio si è caratterizzata, a livello europeo, come Regione dell’Innovazione. Il moderatore del panel, Greg Jones in rappresentanza della CRPM – Conference of Peripheral Maritime Regions, uno tra i più importanti network comunitari che facilita la comunicazione tra Istituzioni Europee e nazionali, ha molto apprezzato l’intervento del rettore Ruggieri sottolineando che per una forte e solida politica di coesione sono necessari progetti innovativi e concreti come quello della Regione.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserisci la risposta corretta per lasciare il tuo commento *