“Il ritorno del gatto nero. Consigli per la lettura”. Dr. Fleming e Mr. Bond

Federica Marchetti

NewTuscia – Sono trascorsi 64 anni dall’uscita di Casino Royale di Ian Fleming, debutto letterario dell’agente 007 e, in attesa del 25° film tratto dalle sue storie, James Bond è più vivo che mai.ritorno del gatto nero

Ian Lancaster Fleming nasce il 28 maggio del 1908 a Londra. Secondo di 4 figli maschi, madre scozzese e padre inglese (amico di Winston Chirchill) che muore troppo presto (nel 1917), Ian è l’eteFlemingrno secondo. La madre non può risposarsi per non perdere la rendita e cresce i figli con severità (la chiamavano con la sigla “M”). Sportivo, attratto dalla letteratura e dalle ragazze è destinato, però, dalla madre alla carriera militare (nel frattempo la donna ha una relazione clandestina con un pittore da cui avrà la figlia Amaryllis). Fallito ogni tentativo, decide di provare la carriera diplomatica. Impara diverse lingue straniere ma anche questo tentativo fallisce. Viene assunto come giornalista e la sua conoscenza del russo gli permette di ottenere l’incarico per un reportage su un processo a sei dipendenti di una società inglese con sede in URSS. Accetta però un lavoro presso una banca londinese. Intanto suo fratello maggiore Peter scrive libri di viaggio. Nel 1935 Ian è assunto come agente di cambio e scopre la sua passione per il gioco d’azzardo. Sono anni in cui Fleming conosce ex spie del periodo bellico e incontra Anne Charteris sposata con Lord O’Neill che in seguito sarebbe diventata sua moglie.  A 31 anni Ian viene nominato tenente della riserva volontaria della Royal Navy: intraprendente e pieno di fantasia, Fleming non riesce a mettere a frutto tutte le sue originali iniziative ma resta celebre l’Unità d’Assalto n. 30 con cui nel 1942 si impadronisce di codici e archivi nazisti. Ian viaggia per il mondo e conosce tante persone (e tante spie): tutta questa esperienza sarà utile per la sua carriera di scrittore. Suo fratello Peter viene dato per morto ma riappare vivo e vegeto mentre il fratello minore Michael cade realmente al fronte. Alla fine della guerra Fleming compra una casa in Giamaica che ribattezza “Goldeneye” (da un’operazione segreta) e torna a fare il giornalista e viene nominato direttore internfleming e conneryazionale. Ma il suo sogno è di scrivere un romanzo di spionaggio e nel 1952 inizia Casino Royale che in 18 mesi finisce. Stressato dalla sua complicata vita sentimentale (sposata Anne Charteris da cui ha il figlio Caspar Robert non rinuncia alla sua ossessione per le donne) e deciso a far pubblicare il suo romanzo convince Jonathan Cape, l’editore del fratello, a stampare il primo romanzo e a cominciare un vero e proprio battage promozionale. È nata la leggenda di James Bond (il nome scelto era quello di un celebre ornitologo) e Ian Fleming si è trasformato in una fabbrica di libri. Giornalista per 9 mesi all’anno, si ritira in Giamaica da gennaio a marzo e scrive i suoi romanzi. Al quinto Bond, Dalla Russia con amore (considerato il suo capolavoro) Fleming ha una crisi creativa ma la pubblicità derivata dalla vacanza del primo ministro inglese proprio a “Goldeneye” contribuisce a confermarne il successo. Nel 1961 il romanzo figura tra i preferiti del presidente J.F. Kennedy che aveva conosciuto Fleming l’anno precedente. Tra incontri, viaggi, operazioni segrete, reportage, incidenti mancati, la vita di Fleming somiglia sempre di più ad un copione cinematografico. Intanto nel 1962 esce il primo film con Sean Connery nei panni di James Bond, LICENZA DI UCCIDERE. La salute di Fleming però inizia a peggiorare (ha avuto un attacco di cuore) e nel 1963 per partecipare alla prima di DALLA RUSSIA CON AMORE viene accompagnato dal suo medico personale. In estate ha il suo secondo attacco di cuore e muore il 13 agosto. Il figlio Caspar muore nel 1975 per overdose e la moglie nel 1981: sono tutti sepolti vicino alla chiesetta di Sevenhampton. Con l’agente 007 Fleming ha scritto 12 romanzi e 2 raccolte di racconti.

 

1953 Casino Royale

1954 Vivi e lascia morire

1955 Moonraker

1956 Una cascata di diamanti

1957 Dalla Russia con amore

1958 Licenza di uccidere

1959 Solo per i tuoi occhi (5 racconti)

1959 Missione Goldfinger

1961 Thunderball-Operazione Tuono

1962 La spia che non mi amava

1962 Octopussy (3 racconti)

1963 Al servizio segreto di Sua Maestà

1964 Si vive solo due volte

1965 L’uomo dalla pistola d’oro

 

Fleming e Connery durante le riprese di LICENZA DI UCCIDERE.

 

Oggi James Bond è una delle icone più celebri di tutti i tempi. Protagonista di 24 film ufficiali (e di 2 non ufficiali) con 7 interpreti all’attivo (Sean Connery, David Niven, George Lazenby, Roger Moore, Timothy Dalton, Pierce Brosnan e Daniel Craig), circondato da donne (dalla segretaria Miss Moneypenny al capo “M fino alle numerose Bond-girls), celebre anche per le indimenticabili colonne sonore, è recentemente apparso (col volto dell’ultimo Bond, l’inglese Daniel Craig) accanto alla Regina Elisabetta II nel cortometraggio per l’apertura delle Olimpiadi di Londra del 2012, Bond tornerà al cinema per il 25° film (previsto per il 2019). Del 2014 è la miniserie BBC che ha raccontato la storia del giovane Ian Fleming in cerca di successo. Dal 2012 in Italia i romanzi di Ian Fleming sono ripubblicati da Adelphi.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserisci la risposta corretta per lasciare il tuo commento *