Settembre il mese dei matrimoni: come prepararsi all’evento in autunno

NewTuscia – È un classico, un refrain molto diffuso tra chi decide di sposarsi in Italia. Il matrimonio a settembre, quando il clima è ancora mite, la natura pMATRIMONIOarzialmente in fiore e si può sfruttare il fatto di essere, ufficialmente, ancora in estate pur senza dove subire l’afa dei mesi prettamente estivi come giugno e luglio.

Un periodo ponte, di passaggio a metà tra due mondi e che da sempre attrae la maggior parte delle richieste di matrimoni da parte di utenti. La rete è piena di motivazioni per le quali sposarsi a settembre conviene, il tutto suffragato dalle credenze popolari che indicano come sposarsi a settembre “favorisca ricchezza ed allegria agli sposi novelli”.

Tra concretezza e superstizione, quello che stiamo vivendo è quindi uno dei mesi più battuti dai futuri sposi. E che porta molto da fare a tutte quelle figure professionali implicate a vario titolo nell’organizzazione di matrimoni.

Analizzando il tutto dal punto di vista della natura, con i colori meravigliosi che l’autunno è in grado di regalare, tra le foglie che si iniziano a tingere di giallo, rosso, arancione regalando suggestioni romantiche, si potrebbe dire anche che settembre è il mese prediletto da chi per mestiere fa il fotografo di matrimonio.

Settembre infatti è più che mai la stagione dei colori; tra tramonti mozzafiato e la natura che muta regalando sfumature cromatiche da sogno, chi si trova a immortalare il fatidico giorno può certamente trarre vantaggio e una maggiore ispirazione per le proprie foto.
In sostanza, sempre sperando nella clemenza del tempo metereologico, i mesi a ridosso dell’estate sono quelli più richiesti per sposarsi; è così per settembre e lo è anche per aprile e maggio. Quando il clima è caldo ma non eccessivamente; quando le stagioni iniziano a mutare; quando, ed è il caso specifico di settembre, l’abbronzatura non è ancora del tutto andata via. Inoltre, non essendo considerata alta stagione per i matrimoni, si può sperare anche di risparmiare qualcosa sulla cifra per l’organizzazione della cerimonia.

Il che certamente non guasta.  Ultimo fattore da prendere in esame, non per importanza, e che fa prediligere un matrimonio settembrino, è quello legato al viaggio di nozze: sposarsi a settembre vuol dire poter contare su un novero maggiore di destinazioni tra le quali scegliere. Nei mesi estivi infatti molti luoghi esotici sono impraticabili a causa delle temperature elevatissime (basti pensare ai paesi caraibici o africani). Con l’autunno queste mete diventano fattibili.
Discorso valido e da tenere a mente tra i ‘pro’ di sposarsi a settembre; almeno per chi è legato all’impostazione tradizionale, quella che prevede la partenza per il viaggio di nozze subito dopo la cerimonia. Perché ormai molte coppie moderne optano per posticipare il viaggio di settimane e spesso anche di mesi, in linea con i propri impegni, lavorativi e familiari, da cui oggi dipende buona parte della vita quotidiana.