Orte. Ai cancelli dello stabilimento della Maico. Atto vandalico e intimidatorio contro i sindacati in sciopero

maicoNewTuscia – ORTE – Abbiamo ricevuto dalle Organizzazioni Sindacali questo comunicato stampa che volentieri pubblichiamo.

Le organizzazioni sindacali Fillea Cgil, Filca Cisl e Feneal Uil di Viterbo sono a denunciare il grave e oltraggioso atto avvenuto nella notte tra il 22 e il 23 mattina di agosto fuori dai cancelli dell’azienda Maico dove è in atto dal 3 agosto uno sciopero ad oltranza con presidio, in cui ignoti hanno divelto e stracciato striscioni e bandiere delle scriventi organizzazioni sindacali.

Di fronte a questo atto intimidatorio e irrispettoso verso i lavoratori e verso le organizzazioni sindacali stesse, questa mattina i lavoratori congiuntamente alle Rsu e le organizzazioni sindacali, dopo un’assemblea, hanno deciso di sporgere formale denuncia presso le autorità competenti (già intervenute sul luogo) e portare a conoscenza la cittadinanza di quanto è accaduto.

Vogliamo rendere noto che tale atto non ci intimidisce né ci scoraggia e che attraverso questa forma di protesta si stanno rivendicando dei diritti, siamo intenzionati a continuare la nostra forma legale e democratica di protesta per arrivare uniti e compatti al tavolo istituzionale convocato dalla Prefettura di Viterbo il 24 agosto alle 16.

Auspichiamo che al tavolo della Prefettura, dove sono convocati oltre alle organizzazioni sindacali, la società Maico e il commissario giudiziario che si occupa della procedura di concordato, si arrivi alla soluzione delle rivendicazioni ossia il pagamento dello stipendio, il versamento delle quote tfr e soprattutto chiarezza su quelle che sono le intenzioni per il futuro dell’azienda visto che a tutt’oggi risulta essere priva di materie prime per poter continuare la produzione.

Questo vile atto dimostra che la nostra protesta non stà passando inosservata e visto la gravità di questa azione siamo a chiedere massima attenzione da parte di tutti i rappresentanti istituzionali su questa vertenza così delicata dove è a rischio il futuro di più di 50 famiglie oltre all’ indotto che esso sviluppa.

Carlo Proietti Fillea Cgil, Francesco Agostini Filca Cisl, Feneal Uil Francesco Palese 
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *