Calvi dell’Umbria, week end con 17esima edizione “Tra pomi e fiori”

pomiNewTuscia – CALVI DELL’UMBRIA – Torna il prossimo week end (26 e 27 agosto) l’appuntamento di fine estate con “Tra pomi e fiori”, mostra-mercato di florovivaismo, giunta alla sua 17esima edizione. Durante la due giorni della manifestazione le vie del paese saranno animate dalla presenza di espositori, con l’ingresso di qualche nuova presenza, selezionata in base alla competenza, al tipo di produzione e alla varietà dei prodotti.

Saranno in mostra acquatiche, agrumi, alberi da frutto di antiche qualità, piccoli frutti, aromatiche, bulbose, carnivore, erbacee perenni, garofanini, graminacee, ortensie, orticole, peperoncini, piante da secco, rampicanti, rose, salvie, succulente e tante piante che potranno soddisfare tutti gli amanti del verde. Non mancherà il consueto appuntamento con la pittura botanica, l’artigianato di qualità e i prodotti gastronomici locali.

Il Museo aperto – In occasione della manifestazione al Museo del Monastero delle Orsoline sarà possibile scoprire le bellezze della collezione pittorica ispirate al tema floreale grazie a visite tematiche con particolare attenzione ai dettagli delle opere di Vinckboons, Van Kessel, De Coninck e Verbruggen il Giovane alla ricerca di curiosità stilistiche per scoprire le pregevoli nature morte tra fiori dipinti e paesaggi raffinati. Orari di apertura sabato alle 16, 17 e 18, domenica dalle 11 per proseguire fino alle 12 con chiusura alle 13. Nel pomeriggio alle 16, 17 e 18.

Allerona, dati turistici in crescita in primo semestre 2017

Arrivi a + 84,5 per cento, presenze a + 42,43 per cento. Sono i dati dell’affluenza turistica ad Allerona nel primo semestre 2017, in netto aumento rispetto allo stesso periodo 2016. “Sono dati incoraggianti e rappresentano il premio al lavoro svolto – dice il sindaco Sauro Basili – sia dall’amministrazione comunale che dalle associazioni e dagli operatori del settore ed è frutto anche dell’ingresso di Allerona nel club dei Borghi più belli d’Italia dice soddisfatto il sindaco Sauro Basili.

“Siamo convinti che se il nostro patrimonio architettonico, paesaggistico, culturale e ambientale fosse adeguatamente valorizzato darebbe risposte importanti all’economia locale”. A proposito dei Borghi più belli d’Italia, Basili sottolinea che “è un fattore che ci ha permesso quel salto di qualità che non avremmo potuto raggiungere in altro modo, unitamente a tutte le iniziative culturali, ricreative, sportive, ambientali e scientifiche realizzate grazie al lavoro costante e determinato di associazioni, singoli cittadini ed attività economiche. Gli investimenti possono dare ottimi risultati”.