Umberto I, Aurigemma (FI): “Zingaretti commissaria direttore generale”

NewTuscia – ROMA – “Penso che la nostra Regione non abbia mai vissuto un periodo estivo cosi traumatico come quello attuale, nel settore della sanità. Non sono state sufficienti le scelte scriteriate del presidente Zingaretti, che durante i mesi più caldi ha di fatto tagliato circa 1700 posti letto, né l’aver obbligato i medici ad effettuare prestazioni ” a tempo”, o addirittura aver ridotto di un ulteriore 3% il budget regionale per alcune prestazioni sanitarie, allungando di fatto le già lunghe liste d’attesa. A queste misure illogiche si sono aggiunti gli 82 giorni di attesa per poter effettuare interventi programmati, oppure la notizia della signora di Albano che ha visto morire tra le sue braccia il padre mentre tentava di chiamare il Numero Unico delle emergenze, un sistema che ha dimostrato numerose falle. Senza dimenticare poi i pronto soccorso intasati con 258 barelle impegnate nei corridoi degli ospedali, che hanno sostanzialmente bloccato il lavoro delle ambulanze. Se a tutto questo aggiungiamo un disavanzo sanitario in aumento, dove a farla da padrone in questa classifica in negativo è il policlinico universitario Umberto I, con un deficit che nel 2016 è incrementato del 50% rispetto all’anno precedente, possiamo davvero affermare che per i cittadini del Lazio, quest’estate oltre al danno c’è anche la beffa. Per tali motivi apprendiamo con soddisfazione del primo passo effettuato dall’amministrazione Zingaretti, seppur con notevole ritardo, per cercare di trovare qualche soluzione, che riguarda il commissariamento del Direttore Generale dell’Umberto I Domenico Alessio. L’atto è passato in giunta il 9 agosto scorso, e sicuramente non può rappresentare l’unica risposta ad una sanità in crisi, che manca di programmazione e pianificazione.

Per tutto ciò, pur essendo stati tra i primi a sollecitare da mesi provvedimenti in capo all’azienda ospedaliera più grande d’Europa, non ci riteniamo assolutamente soddisfatti soltanto di questa presa di posizione. Pretendiamo che il presidente Zingaretti venga in aula il prima possibile a spiegarci come intenda risolvere problemi che oramai sono diventati cronici, e che non possono essere affrontati con misure spot senza un minimo di coordinamento. La sanità è un settore delicato che prescinde da partiti o schieramenti politici di appartenenza. Ciò che sta a cuore a tutti è esclusivamente l’interesse della salute dei cittadini del Lazio e le loro esigenze”

Lo dichiara il Capogruppo di Forza Italia della regione Lazio e vice presidente della Commissione Salute Antonello Aurigemma