Umberto I, Aurigemma (FI)”Farneticanti dichiarazioni dg Alessio”

loading...

NewTuscia – ROMA – “Oggi durante i lavori della settima commissione salute, con l’audizione del dg del Policlinico Umberto I sulle problematiche dell’atto aziendale,  la regione si è riappropriata del proprio ruolo di controllo. Le parole del direttore Panella sono state chiare e inequivocabili, ed evidenziano che l’atto debba essere sottoposto alla consultazione, e non solo all’informativa, con i sindacati.

antonello-aurigemmaE non si tratta solo di un mero problema formale, in quanto i sindacati hanno sollevato una serie di importanti problematiche sul documento licenziato dal Dr. Alessio che potrebbe avere, se approvato così come è dalla Regione, gravi ricadute economiche negative sul bilancio del Policlinico, e conseguentemente sul bilancio della Regione stessa.

Infatti all’Atto aziendale proposto da Alessio non è allegato il funzionigramma, cioè quello che dovranno fare le strutture assistenziali proposte, quale sarà la loro mission, e non è allegato l’organigramma, cioè non si sa da quale personale medico sanitario e amministrativo saranno composte. Nell’ Atto Aziendale proposto non risultano i criteri per l’istituzione, la modifica e la soppressione dei DAI e delle strutture assistenziali semplici e complesse che li compongono, nel rispetto dei complessivi vincoli derivanti dalla programmazione regionale e dalle norme vigenti. Nell’ Atto Aziendale proposto non risultano i parametri economico finanziari e le necessità assistenziali connesse a quelle di didattica e di ricerca che hanno portato alla individuazione delle strutture assistenziali elencate, e nemmeno le motivazioni che hanno portato a mantenere e/o sopprimere e/o istituire strutture assistenziali. Per tutti questi motivi e per moltissimi altri il Direttore Generale Dr. Alessio vuole evitare il confronto con le OO.SS., che hanno già scritto numerosissimi documenti sulle criticità economico  finanziarie dell’Atto Aziendale proposto da Alessio.

Per questi motivi, le dichiarazioni farneticanti del dg Alessio sono davvero inconcepibili, quando afferma di essere pronto anche a eventuali ricorsi sull’atto aziendale.

A questo punto, riteniamo che la Regione debba continuare ad esercitare le sue funzioni di controllo, anzi dovrebbe seriamente valutare l’opportunità di chiudere l’esperienza Alessio all’Umberto I, prendendo le necessarie e doverose iniziative”

Lo dichiara il Capogruppo di Forza Italia della regione Lazio e vice presidente della Commissione Politiche sociali e salute Antonello Aurigemma