Aurigemma (FI): “Ancora tagli sulle liste di attesa”

loading...

antonello-aurigemmaNewTuscia – ROMA – “La regione Lazio detiene il record delle liste d’attesa, con i pazienti costretti ad aspettare anche un anno per alcune visite. Tant’è che in questi anni la regione ha scalato la classifica (in negativo) per la mobilità passiva, con i cittadini che sempre più spesso si recano in altre regioni d’Italia per svolgere alcuni esami.

Questa realtà più volte è stata oggetto della cronaca della stampa, locale e nazionale. Zingaretti, di fronte a tutto ciò, si è limitato a lanciare i soliti annunci senza essere in grado di affrontare concretamente tali problematiche. Infatti da un lato, con il decreto del commissario ad acta, nei mesi scorsi ha annunciato il piano per l’abbattimento delle liste d’attesa, ma poi con una lettera con protocollo 0327936 del 27 giugno 2017, la regione ha comunicato una diminuzione del 3,5% del budget, rispetto all’anno precedente, per le prestazioni di laboratorio analisi, altra specialistica, risonanza magnetica, Apa (accorpamento prestazioni ambulatoriali, tra cui cataratta, tunnel carpale, ernia) erogate dalle strutture accreditate con il servizio sanitario regionale.

Tra l’altro, il budget del comparto proviene da una stagione di tagli lineari di cui era stata annunciata la fine, giacché scarsa si è dimostrata la reale valenza economica, anche a fronte del costo sociale indotto dalla riduzione delle prestazioni erogate al cittadino. In sostanza, il governatore si comporta come Giano Bifronte: nei giorni pari annuncia di trovare risorse per contrastare il fenomeno delle liste d’attesa, che rappresenta uno dei tasti dolenti della sanità laziale; nei giorni dispari invece continua la politica di tagli e riduzioni, a discapito del servizio offerto e dell’utenza”

 

 il Capogruppo di Forza Italia della regione Lazio Antonello Aurigemma