Martina Michella eletta segretario dell’Unione comunale Pd Viterbo

NewTuscia – VITERBO – Si è svolta l’assemblea cittadina, che si compone di 50 membri così ripartiti:

36 rappresentanti per la lista “Avanti, Insieme per Renzi” e 14 per la lista Insieme per Viterbo.

martina-minchella
Martina Minchella

L’assemblea ha eletto all’unanimità (11 astenuti)  a segretaria dell’Unione Comunale e ha proceduto all’elezione della direzione composta da 20 membri, rispettivamente 14 della lista “Avanti, Insieme per Renzi” e 6  della lista “Insieme per Viterbo”.

Si allega di seguito il testo del discorso di insediamento della neo segretaria:

Buongiorno, prima di tutto voglio ringraziare i militanti di questo straordinario partito democratico viterbese che nonostante la disaffezione e il periodo coincidente con le ferie hanno partecipato con grande slancio a questa giornata democratica, a loro, anche a nome vostro, va un immenso grazie, con l’impegno che le scelte importanti che il PD viterbese dovrà prendere li vedranno sempre protagonisti.

Un augurio di buon lavoro ai quattro segretari di circolo della nostra città:

Aldo Bellocchio

Anna Federici

Stefania Greto

Bruno Di Rita.

Mi piace sottolineare che questo congresso ha assegnato alle donne un ruolo straordinario, siamo in maggioranza nei ruoli di vertice, siamo il 50% in tutti gli organismi e grazie a voi oggi sono la prima segretaria donna del PD Viterbese.

Ai segretari di circolo voglio assicurare che da oggi si volta pagina, inizia una nuova stagione, non esisterà più la contrapposizione tra i circoli e in modo particolare tra il circolo unico di VT e la segreteria cittadina, perché il PD viterbese è unito e coeso.

Per questo ho deciso che alla direzione del PD che eleggeremo questa mattina parteciperanno come invitati permanenti i quattro segretari, l’unità del partito deve essere la cifra distintiva di questa nuova stagione.

E’ mia intenzione entro dieci giorni convocare di nuovo l’assemblea dell’Unione per presentare un piano operativo che veda la costituzione di tavoli di lavoro sulle principali tematiche cittadine e che trovi nei circoli come bene ha descritto Aldo Bellocchio l’elemento centrale per l’operatività della presenza sui territori.

Mi avvarrò ovviamente di una segreteria e di un vice segretario che nominerò nei prossimi giorni.

Alla prossima assemblea ci doteremo, dopo aver approvato un regolamento finanziario, d’intesa con i segretari di circolo, di un tesoriere indispensabile per le attività da svolgere.

Ovviamente a breve riunirò il gruppo consiliare del PD del Comune di Viterbo perché sappia che può contare su un PD unito e determinato, consapevole delle proprie competenze, ma altrettanto consapevole che il partito adotterà gli indirizzi politici, sempre dopo un approfondito dibattito, indirizzi che una volta assunti saranno vincolanti per tutti noi e per i nostri amministratori, non dovremo più dare la brutta immagine di un partito diviso.

Il congresso ci ha consegnato una volontà chiara e un luogo preciso in cui dibattere e decidere, ma le decisioni valgono per tutti, sapendo che a questi nostri organismi spettano le scelte per il ruolo che il PD dovrà avere nella prossima campagna per le amministrative e per chi dovrà rappresentarla.

Ribadiamo da subito il nostro sostegno alla giunta Michelini fino al 2018, data della sua scadenza naturale, ovviamente con l’impegno a passare alla realizzazione di fatti ed opere.

Il PD con grande chiarezza supporterà e sosterrà sul territorio tutto ciò che di buono è fatto, ma stimolerà anche ciò che da troppo tempo attende di essere realizzato.

Al Sindaco, per dirla con una sua battuta, dico che da oggi sa bene che il Partito Democratico è uno solo con i suoi organi dirigenti.

Un particolare impegno lo metteremo nel costruire un rapporto attivo e fattivo con le esperienze di civismo e con il movimento dei Moderati e Riformisti, perché, come in tutta Italia, si evidenzia anche a Viterbo il tema delle alleanze, fondamentale sia sul versante moderato, sia sul versante della sinistra che anche in città si sta organizzando e con la quale abbiamo il dovere di aprire un dialogo.

Nelle prossime settimane vi sottoporrò anche due ipotesi di lavoro per favorire l’impegno dei tanti nostri giovani militanti e delle donne del PD.

Il PD viterbese sarà una casa aperta a tutte le forme sociali e di volontariato, a tutte le espressioni culturali della città, mettendoci a disposizione per collaborare per il nostro futuro.

Ritengo che la storia è maestra di vita e vorrei che i nostri giovani possano fare tesoro dei tanti che nella città di Viterbo hanno dato il loro contributo fondamentale nel corso dei decenni per la costruzione di un centro sinistra.

Direi che ho parlato anche troppo vi ringrazio ancora e auguro a tutti voi un proficuo lavoro, lo faremo insieme con rispetto e lealtà.

Martina Minchella