La Philadelphia Jazz Orchestra (USA) a Castiglione in Teverina per il Big Band Festival

pjo 2NewTuscia – CASTIGLIONE IN TEVERINA – Dopo il successo della Lower Marion Big Band a Castiglione in Teverina e Tuscania arriva al Muvis Museo del Vino di Castiglione in Teverina per il terzo concerto del Big Band Festival, giunto alla terza edizione ed unico nel suo genere in Europa, la Philadelphia Jazz Orchestra. Il festival organizzato dal Tuscia in Jazz e l’amministrazione comunale di Castiglione in Teverina in collaborazione con la Proloco, la Banda Cittadina e il comitato gemellagi nasce con lo scopo di promuovere la tradizione bandistica americana e italiana. Sia gli Stati Uniti, con le orchestre jazz presenti in ogni scuola di ordine e grado, che l’Italia con la sua tradizione bandistica e orchestrale rappresentano due modelli di formazione per i giovani musicisti. Le big band americane e le bande e le orchestre italiane sono, infatti, le fucine dove si sono formati i grandi musicisti del passato, del presente e del futuro.

All’edizione 2017 del festival parteciperanno oltre 200 musicisti, di cui l’90% sotto i 35 anni, che per una settimana riempiranno di note la bellissima struttura del Muvis che con i suoi  oltre 2500 mq è il Museo del vino più grande d’Italia. Il Muvis dotato una foresteria con 30 posti letto, un ristorante da 300 posti, un foyer bar, 4 aule didattiche e uffici rappresenta un polo culturale d’eccellenza della provincia di Viterbo. Oltre alla musica gli spettatori durante il festival potranno cenare all’Enoteca o bere al Wine Bar del Muvis e visitare i 5 piani del Museo del Vino fino alla incredibile “Cattedrale”, cuore della cantina del Museo. Il festival dopo questo appuntamento del 1 luglio, tornerà a Castiglione in Teverina dal 10 al 15 luglio con altre 5 orchestre provenienti da Stati Uniti, Repubblica Ceca e Italia. Anche questi concerti saranno a ingresso libero.  Tornando alla Philadelphia, l’orchestra jazz, formata da ben i 40 elementi, raccoglie le migliori giovani promesse jazz.

pjo 3I talentuosi ragazzi, la maggior parte nell’età della scuola superiore americana, stanno riscuotendo sempre maggior successo in Italia e in questi anni si sono essibiti al Jazz Festival di La Spezia, Tuscia in Jazz, Umbria Jazz e al Jazz Festival di Montreux in Svizzera. L’orchestra, fondata nel 2003, da Joe Bongiovi, compositore e arrangiatore e considerata una degli migliori band jazz di Philadelphia e del New Jersey, sta entrando nella sua 15 esima stagione e ha già girato l’Europa nove volte. La band propone un sound tutto nuovo, maturo e pieno di sorprese, spaziando dal classico jazz a brani di musica pop. Un concerto travolgente che trascinerà gli spettatori facendoli ballare al ritmo del grande swing americano. Quella sera, infatti, sarà possibile anche ballare durante il concerto e per chi volesse, come dicevamo, cenare all’enoteca del Muvis Museo del Vino prenotando al 335 6079041. L’evento è reso possibile dalla collaborazione con la Stop in Italy che da oltre dieci anni collabora con il Tuscia in Jazz. Per info e prenotazioni visita www.tusciainjazz.it o Facebook/tusciainjazz.