Gubbio, incontro su Area interna Nord – Est Umbria

STRATEGIE COMUNI SU TEMI CONDIVISI, OPPORTUNITÀ PER CRESCITA E SVILUPPO

Gubbio stemmaNewTuscia – GUBBIO – Si è svolto questa mattina presso la residenza comunale un incontro su  ‘Aree interne’ –  Focus 2 relativo alla Strategia d’area “Nord Est Umbria”, composta da 10 Comuni.  Quattro le sessioni, dedicate a sviluppo locale, mobilità, sanità ed istruzione.  Filippo Mario Stirati  sindaco di Gubbio, comune capofila,  ha affrontato   il tema della strategia e delle funzioni associate.   L’area della strategia interessa i Comuni di Pietralunga, Montone, Gubbio, Scheggia e Pascelupo, Costacciaro, Sigillo, Fossato di Vico, Gualdo Tadino, Nocera Umbra, Valfabbrica. Sono sette quelli che fanno parte dell’area progetto: Pietralunga, Montone, Scheggia e Pascelupo, Costacciaro, Sigillo, Nocera Umbra, Valfabbrica. Entra così  nella fase di definizione il piano strategico per le  Aree Interne che ha visto oggi riunito il quartier generale dei rappresentanti istituzionali, compresi quelli della Regione Umbria e del Governo.

« E’ una straordinaria opportunità per  il livello politico – istituzionale e le rispettive aree territoriali,  ma  anche per  le forze sociali,  il mondo del lavoro, le associazioni di categoria, le imprese e  per tutti coloro che si sentono a vario titolo attori e protagonisti  di una spinta tesa a perseguire  anche nuovi modelli di rinascita a beneficio delle comunità interessate.  Economia, sviluppo,  politiche del lavoro,  ambiente, protezione  civile, collegamenti infrastrutturali, sanità, promozione turistico-culturale nazionale ed internazionale: questi i cardini su cui stiamo costruendo  accordi settoriali  con convenzioni specifiche, che saranno   siglate entro  l’estate.  Per questa prima fase, possiamo contare su un finanziamento di 370 mila euro messo a disposzione dalla Regione Umbria».

PUNTUALIZZAZIONI SU AREA SOSTA A PAGAMENTO E ACCESSI AL CENTRO STORICO: PRESTO SARA’ ATTUATO IL ‘PIANO URBANO DELLA MOBILITA’ SOSTENIBILE’

Sono state  fornite  questa mattina  dal sindaco Filippo Mario Stirati, dall’assessore Alessia Tasso e dalla comandante dei vigili urbani Elisa Floridi,   una serie di puntualizzazioni  su aree di sosta a pagamento e accessi al centro storico  e sono state illustratte  alcune  linee essenziali del ‘Piano  Urbano della mobilità sostenibile’,  oggetto di un incontro partecipativo  fissato per giovedì 29 giugno alle ore 21 presso la Sala Consiliare.

« Per fugare gli allarmismi che ogni tanto vengono sollevati,  voglio precisare che stiamo mettendo a regime un piano di regolamentazione della mobilità e della sosta che non stravolge le disposizioni attuali ma le razionalizza e le migliora – ha puntualizzando il sindaco Stirati  – e sono in dirittura d’arrivo una serie di misura a breve e lungo termine, sulla base delle indicazioni emerse dal   PUMS –  ‘Piano urbano della mobilità sostenibile’ elaborato dalla ‘Sisplan’,  società bolognese  incaricata che ha vinto la gara comunale. Gli obiettivi  finali sono legati ad una visione della città in termini di mobilità sostenibile e al  riassetto complessivo della circolazione dei mezzi, non solo nel centro storico ma anche nelle zone di espansione.  E’ evidente che c’era la necessità, a distanza di 20 anni dall’ultima ricognizione del genere, di  un Piano per affrontare  in modalità condivisa e partecipata ma anche fortemente operativa, le dinamiche di gestione della mobilità.

Abbiamo avuto l’approvazione delle  associazoni di categoria che hanno espresso  parere  favorevole, con una rimodulazione dei posti auto nel Centro Storico e nell’immediata periferia. In particolare,  vengono dismesse  come area di sosta pagamento,   Corso Garibaldi, nel  tratto compreso tra Via Dante e Via Armanni, Via Cairoli, così come  Via Mazzatinti.  In tali vie verrà ripristinata la regolamentazione precedentemente vigente, vale a dire sosta regolamentata a disco orario max 1 h dalle ore 8 alle ore 20.  Viene  invece  istituita  come sosta a pagamento l’area  in Piazzale Frondizi, dalle ore 8 alle ore 20  di tutti i giorni, feriali e festivi e la gestione di tale area viene affidata, come le altre,  alla  società Gubbio Cultura e Multiservizi.  Complessivamente sono aggiustamenti che mantengono i parametri  di 300 posti auto a pagamento a fronte di circa 1.600 posti liberi a ridosso della città e del Centro Storico.  Siamo allineati  con quelle che sono le situazioni  e le disposzioni  di città come Perugia, Assisi o Spoleto,  circa i parcheggi a pagamento.

Telecamere in arrivo entro l’autunno, con una fase sperimentale necessaria, controlli serali da effettuare non sono solo d’estate come ora ma tutto l’anno, incentivazione nel turn over dei parcheggi nel centro storico,  sono passaggi che serviranno a migliorare e regolamentare la circolazione, con una differenziazione tra la parte alta della città e quella degli esercizi commerciali di Corso Garibaldi.   La Ztl già esistente sarà fatta rispettare ma non mancheranno fasce orarie e anelli pensati per le esigenze dei commercianti, dei turisti e ovviamente dei residenti. Dunque non si parla di una chiusura estrema e totale, ma di divieti in giorni festivi come in fasce orarie specifiche.

Quello che vogliamo ribadire – ha sottolineato Stirati – è la finalità non di introdurre il ‘coprifuoco’ notturno ma regolamentare l’accesso a tutela di tutti. Oggi la situazione è francamente insostenibile e soprattutto lede l’immagine di una città che vuole essere accogliente e a vocazione turistica ».

Il sindaco ha poi ricordato che  i lavori in via Perugina  sono in fase di ultimazione e che entro l’estate sarà riaperta al traffico veicolare  e dal canto suo, l’assessore Tasso ha sottolineato che   « il  quadro generale è in forte evoluzione e una corretta e attenta verifica andrà effettuata nelle frazioni che rappresentano agglomerati popolosi come Semonte, Padule, S. Marco, o la zona ovest  come via Leonardo da Vinci, dove andrà rivista la sosta e la circolazione ».  Dati alla mano la Floridi, ha ricordato che su circa 3.000 abitanti nel centro storico sono 1.800 i permessi di circolazione ed è necessario riequilibrare i posti disponibili con le richieste, anche trovando soluzioni diverse dalle attuali, per riservare  posti ai residenti.  Confermato il pagamento della sosta con la tariffa di euro 1,20 l’ora con minimo di euro 0,60 per 30 minuti.

CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE DI ‘TIM’ PER BANDA LARGA   ED EVOLUZIONE DELLA TELEFONIA MOBILE

E’ convocata per martedì 27 giugno alle ore 11,30  presso la Sala degli Stemmi  in piazza Grande  una CONFERENZA STAMPA di presentazione da parte di ‘TIM’  sulle nuove reti a banda ultralarga fissa e mobile.  Verranno resi noti gli investimenti di TIM  sul territorio per realizzare le infrastrutture di nuova generazione e le particolarità  dei servizi tramite fibra ottica,  specificando le unità immobiliari che possono usufruire dei servizi a banda ultralarga fino a 200 Megabit al secondo. Saranno presenti il sindaco  Filippo Mario Stirati, l’assessore Lorena Anastasi e rappresentanti della società ‘TIM’ che illustreranno progetto realizzativo e dettagli sulla telefonia mobile a Gubbio.

ULTIMI GIORNI PER PARTECIPARE AL  BANDO ‘SERVIZIO CIVILE NAZIONALE’

C’è tempo fino alle ore 14 del 26 giugno per i giovani interessati a fare domanda di partecipazione  per  il ‘Bando di Servizio Civile Nazionale’, su un’apposita  modulistica che può essere scaricata dal sito internet dell’Informagiovani di Gubbio al  link (voce Bandi Concorsi Avvisi, sito internet Comune di Gubbio)  www.comune.gubbio.pg.it/bandi/avviso-per-la-selezione-di-21-volontari,   con  la sintesi del progetto.   «  Ricordo che sono molte le opportunità che il territorio offre con il ‘Bando di Servizio Civile Nazionale’  –   dichiara  l’assessore Gabriele Damiani –  con  oltre 50 posti per giovani volontari di età compresa tra 18 e 29 anni non compiuti  a Gubbio, Gualdo Tadino, Fossato di Vico, Costacciaro e Scheggia e Pascelupo, in progetti proposti da enti pubblici e da enti privati ‘no profit’ nei settori dell’assistenza, protezione civile, ambiente, patrimonio artistico e culturale, educazione e promozione culturale.

Il Servizio Civile Nazionale  è stato istituito nel 2001 per coinvolgere le giovani generazioni nella difesa della Patria con mezzi non armati e non violenti, mediante servizi di utilità sociale tesi a costituire e rafforzare i legami che sostanziano e mantengono coesa la società civile. Il Servizio Civile Nazionale opera nel rispetto dei principi della solidarietà, della partecipazione, dell’inclusione e dell’ utilità sociale nei servizi resi,  anche a vantaggio di un potenziamento dell’occupazione giovanile. Rappresenta infatti un importante strumento per accrescere le proprie competenze spendibili poi nel mondo del lavoro.  Il  Comune di Gubbio in rete con Gualdo Tadino, Fossato di Vico, Costacciaro, con l’Istituto Cassata –  Gattapone e per la prima volta con i Comuni  di Fossato di Vico, Costacciaro e Scheggia e Pascelupo,  propone il progetto denominato “Insieme senza confini” nel settore dell’ Educazione e promozione culturale con interventi di animazione del territorio, per l’impiego di 21 volontari.

A Gubbio 9 volontari andranno ad operare all’Informagiovani/Centro giovani, all’Ufficio di Cittadinanza/Ufficio di Piano, alla Biblioteca comunale “Sperelliana”, ai Servizi socio – educativi, all’Ufficio Cultura/Turismo; 4 volontari saranno destinati a Gualdo Tadino, 2 per ciascuna sede di Costacciaro, Fossato di Vico e Scheggia e 2 al Cassata – Gattapone.  Saranno impegnati per 12 mesi, per 1.400 ore di servizio (circa 30 ore settimanali su 5 giorni) e riceveranno un compenso di 433,80 euro mensili.  Oltre al Comune, a Gubbio ci sono altri enti che hanno presentato progetti: l’associazione ‘Gubbio Soccorso’, il Maggio Eugubino, la Casa Riposo Mosca, la Lega Cooperative e Mutue per ASAD cooperativa sociale e i servizi socio – sanitari che gestisce, il Servizio di patronato INAC della Confederazione Italiana Agricoltori ».  L’Informagiovani fornisce informazioni sui diversi progetti e sulle modalità di compilazione della domanda; l’Ufficio è aperto al pubblico dal lunedì al giovedì, dalle 9 alle 12 e martedì e giovedì anche dalle 15  alle 18, tel. 075 9237502 – 530, mail  progettogiovani@comune.gubbio.pg.it

 CERIMONIA DI CONSEGNA DEFIBRILLATORE DONATO DALL’ASSOCIAZIONE “AMICI DEL CUORE”

Sarà presente la vice sindaco Rita Cecchetti alla cerimonia di consegna di un defibrillatore, donato dall’associazione “Gli Amici del Cuore”, questa sera venerdì 23 giugno, alle ore 18, presso la scuola elementare “Aldo Moro”. Continuano da parte dell’associazione le iniziative per mettere in sicurezza anche gli istituti scolastici cittadini. Con la donazione di un nuovo defibrillatore, inserito nel progetto “Gubbio Città Cardioprotetta”, si amplia ulteriormente copertura del territorio comunale.

L’impegno concreto dell’Associazione “Gli Amici del Cuore” per realizzare una rete di cardioprotezione della comunità eugubina compie un ulteriore passo in avanti, verso la protezione ottimale dei diversi punti sensibili presenti nel Territorio, con particolare attenzione alle scuole.  Come già in altri casi, un gruppo composto da personale docente e non docente, in servizio presso la sede dell’Istituto, ha frequentato il corso di formazione per operatori laici di primo soccorso, organizzato dagli Amici del Cuore. La preparazione degli operatori è stata curata da formatori accreditati e certificati, membri della Misericordia di Gubbio.