Perugia, progetti ed opportunità del servizio civile

comune perugiaNewTuscia – PERUGIA – Domani, Mercoledì 14 giugno dalle ore 15.30, presso il Centro Servizi Giovani di via Settevalli 11, l’ufficio politiche giovanili del Comune di Perugia, organizza un incontro sulle opportunità del Servizio Civile Nazionale nella nostra città, rivolte ai giovani fino ai 28 anni di età.

Saranno approfonditi i contenuti di 46 progetti, organizzati e coordinati da Comune di Perugia, Lega Coop, Irecoop e Fondazione Fontenuovo, per un totale di 223 posti disponibili, della durata di 12 mesi e un rimborso mensile di € 433, 80. Si ricorda che la scadenza unica nazionale per la presentazione delle domande è il prossimo 26 giugno alle ore 14,00. Le domande andranno presentate direttamente alle organizzazioni titolari dei progetti. Per Info: Facebook “Informagiovani Perugia”, “CSG Perugia”; informagiovani@comune.perugia.it, tel.075 577 24 96

 IL 16 GIUGNO SCADE IL TERMINE PER IL VERSAMENTO DELLA PRIMA RATA DI IMU-TASI ANNO 2017

Il Comune di Perugia ricorda ai contribuenti che il 16 giugno 2017 scade il termine per il versamento della prima rata (acconto) dell’IMU e della TASI – Tassa sui servizi indivisibili, relativamente all’anno d’imposta 2017. Sotto il profilo della disciplina dei due tributi non sono state apportate modifiche sostanziali dalla Legge n. 232/2016 (Legge di Bilancio 2017) pertanto rimangono invariate le regole e le disposizioni in vigore dal 2016.

Entrambi i versamenti potranno essere effettuati, alle Poste o in Banca, mediante Modello F24.

Sul sito internet istituzionale www.comune.perugia.it, all’interno del canale tematico dedicato alle Imposte e tasse, è possibile reperire le informazioni necessarie per procedere ai versamenti; inoltre, per entrambi tributi (in autoliquidazione), è stato abilitato sul portale del Comune di Perugia un software per il calcolo on line e per la stampa del Mod. F24.

Per ulteriori informazioni sulla IMU-TASI è possibile contattare gli uffici comunali dell’U.O. Gestione entrate (Tel. 075 5774099).

I PERCORSI EVOLUTIVI DELL’UMBRIA: 60 ANNI DI STORIA SOCIO-DEMOGRAFICA ATTRAVERSO I DATI CENSUARI/L’INCONTRO ALLA SALA CVA LA PIRAMIDE DI VIA DIAZ MERCOLEDI’ 14 GIUGNO ALLE 16,30

Si terrà mercoledì 14 giugno a partire dalle 16,30 nella sala CVA di Via Diaz a Perugia l’incontro dedicato alla presentazione dell’e-book “Percorsi evolutivi dell’Umbria”, che descrive le dinamiche socio-economiche dell’Umbria e del Comune di Perugia dal secondo dopoguerra all’ultimo censimento del 2011, con un focus su alcune aree e quartieri di Perugia, basato su un set di indicatori di fonte anagrafica fino al 2017, che fornirà nuovi elementi informativi a livello sub-comunale.

L’incontro, organizzato da Istat e Comune di Perugia, vedrà la partecipazione del Sindaco della città Andrea Romizi, di Alessandro Valentini, Responsabile dell’ufficio territoriale per la Toscana, Marche e Umbria dell’Istat e degli esperti che hanno analizzato e studiato i dati.

IL FALCO GHIBELLINO/LA PRESENTAZIONE DEL ROMANZO DI MARINA TRASTULLA MERCOLEDI’ 14 ALLE ORE 18,30 A SAN MATTEO DEGLI ARMENI

Sarà la Biblioteca comunale San Matteo degli Armeni di Perugia ad ospitare mercoledì 14 giugno alle ore 18.30 la presentazione del libro Il falco ghibellino (Edizioni Nuova Prhomos)di Marina Trastulla. Nel volume si snodano due storie parallele, quelle di Stella e Gemma, che rimandano al lettore un suggestivo viaggio nei luoghi dell’Umbria tra passato e presente, arrivando fino ad attraversare l’acropoli del capoluogo umbro, tra cui le vie del Rione Porta Sant’Angelo.

All’incontro saranno presenti l’autrice, che si confronterà con la giornalista Sonia Brugnoni, l’assessore alla Cultura del Comune di Perugia, nonché presidente dell’associazione Perugia 1416 passaggio tra Medioevo e Rinascimento, Teresa Severini, il Magnifico Priore del Rione Porta Sant’Angelo Mattia Masotti, Mirco Bigini e Silva Corsini (LaAV Perugia), che si cimenteranno nella lettura di alcuni brani del libro. La presentazione sarà allietata da piccoli intermezzi musicali a cura di Cassandra Cioffini e Laura Maggiolini, allieve del professor Sandro Lazzeri (docente  dell’Istituto Comprensivo Francesco Morlacchi e direttore artistico dell’Umbria Guitar Festival).

AFAS: IL PUNTO DELLA SITUAZIONE A DUE ANNI DALLA PRESENTAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE

I vertici AFAS, questa mattina, hanno tenuto una conferenza stampa presso la sala della Vaccara di palazzo dei Priori per fare il punto della situazione dell’azienda, a due anni dalla presentazione del Piano Industriale, illustrando i risultati economici ed il bilancio sociale dell’anno 2016, oltre alle iniziative d’interesse sanitario e sociale, alcune delle quali già avviate, per le quali è stata programmata l’attivazione nei prossimi mesi.

I risultati, sul fronte economico, patrimoniale e finanziario fanno registrare una progressione positiva estremamente importante e significativa, a conferma che il percorso delineato dagli organi dirigenti di AFAS sta dando ottimi frutti.

Un plauso ad Afas, in rappresentanza dell’intera Amministrazione comunale – è stato rivolto dal vice sindaco Urbano Barelli, secondo cui l’azienda rappresenta una realtà positiva di grande pregio, nonché un grande esempio di buon andamento e di gestione oculata da guardare con ammirazione. Afas, peraltro, per il ruolo che svolge è lo specchio di quel senso di comunità che è nelle corde dell’azienda e che l’Amministrazione vuole favorire in ogni modo possibile. “Come Amministrazione siamo orgogliosi e soddisfatti di quanto Afas ha saputo fare: questo è un modello di capacità che apprezziamo anche per il modo in cui riesce ad interagire con la cittadinanza”.

“Afas, nonostante i diversi provvedimenti legislativi sia a livello nazionale che regionale, – ha detto il presidente Puletti – tendenti alla riduzione della spesa farmaceutica e malgrado il perdurare di una situazione di affanno dell’economia, ha realizzato un utile complessivo di Euro 520.642,41, al netto sia del canone corrisposto al Comune di Perugia per l’affitto del ramo di azienda (pari a 750.000,00 euro oltre Iva) e sia delle imposte (pari ad euro 182.521,00)”.

Rielaborando il risultato in termini industriali, al lordo degli sconti, dei servizi e delle prestazioni gratuite erogate ai cittadini, ammontanti complessivamente ad 533.000 euro (contro i 430.000 euro del 2015), e del canone di affitto di azienda corrisposto al Comune di Perugia, AFAS ha conseguito nell’esercizio 2016 un risultato pre imposte di Euro 1.986.028,00, il risultato netto conseguito da AFAS nel 2016 quindi è quasi raddoppiato rispetto a quello del 2015, più che triplicato rispetto al 2014 e più che quadruplicato rispetto al 2013”

“Sin dal nostro insediamento – dice Puletti – abbiamo fortemente voluto, d’intesa con la direzione aziendale, la predisposizione di un Piano Industriale che individuasse gli obiettivi strategici che l’Azienda avrebbe potuto e dovuto conseguire, definendo e condividendo con l’intero “capitale umano” di AFAS i percorsi tattici da intraprendere. Nel giugno del 2015, dopo un lungo percorso di analisi, approfondimenti e confronti interni, si è dotata di un Piano Industriale che è divenuto un vero e proprio “manuale di navigazione” ponendosi, come primo obiettivo, il perseguimento di un metodo di lavoro organizzato che potesse coinvolgere tutte le risorse impegnate in azienda. Affinché tutte avessero potuto esprimere al meglio il proprio valore.”

AFAS è stata in grado, in questi due anni, di poter effettuare tutta una serie di interventi di rinnovamento grazie agli importati risultati economici conseguiti.

Per il C.d.A. effettuare investimenti non è solo necessario ma diviene indispensabili e di fondamentale importanza sotto diversi di vista:

–per poter rendere le farmacie pronte ad effettuare quei servizi sanitari previsti dalla Legge 69/2009 – D.Lgs 153/2209;

–per consentire a coloro che vi operano di poter mettere a frutto la propria professionalità nell’interesse degli utenti ma anche per soddisfare esigenze di dignità ed affermazione professionale;

–per permettere alle farmacie comunali di divenire sempre più accoglienti e quindi sempre più votate, non solo alla distribuzione di farmaci ma anche alla erogazione di servizi;

–per consentire alle farmacie del Comune di Perugia di rafforzare il proprio valore ed il proprio patrimonio ancor prima che in termini economici e reddituali, dal punto di vista squisitamente sociale.

Le farmacie sono presidi del servizio sanitario nazionale e lo rappresentano nei quartieri, fra la gente, nella comunità. È quindi necessario che ci si organizzi adeguatamente anche dal punto di vista logistico per poter adempiere, nel miglior modo possibile, a tale funzione nel primario interesse dei cittadini.

Paola poi al Vice Presidente Federico Ricci secondo cui “la forte crescita della redditività dell’azienda non dipende solo dall’ottimo lavoro di efficientamento che abbiamo realizzato, ma soprattutto dalla crescita della quota di mercato registrata, testimonianza di una accresciuta fiducia dei cittadini nei nostri confronti e della riconoscibilità dei nostri punti vendita. Stiamo lavorando moltissimo nel completare il rinnovamento della rete, creando un unico family feeling tra le Farmacie, segno tangibile di quello Stile AFAS che abbiamo impresso all’azienda”.

Negli ultimi due anni di attuazione del piano – ha garantito Ricci – industriale continueremo a lavorare affinché i cittadino desiderino avvalersi sempre più dei nostri servizi ed in modo completo, anche in settori innovativi: questo porterà non solo un ulteriore incremento dei volumi dei ricavi ma anche della fidelizzazione della clientela, così che il valore sociale ed economico dell’azienda cresca come previsto nel percorso strategico definito nel giugno 2015”

Tra i principali artefici della crescita di Afas c’è il il Direttore Generale Raimondo Cerquiglini.

“Abbiamo lavorato affinché AFAS diventasse sempre di più un punto di riferimento per tutti i cittadini – ha ammesso – ed i risultati li vediamo tutti i giorni con un aumento in percentuale del risultato operativo lordo e dell’utile complessivo a due ed anche a tre cifre. Vale per altro la pena segnalare che AFAS è un’Azienda Speciale e che il 70% degli utili che consegue vengono versati nelle casse del Comune a disposizione dell’Amministrazione Comunale e quindi dei cittadini”.

Con orgoglio – ha precisato – presentiamo alla Città di Perugia un Bilancio Sociale di tutto riguardo: significa che AFAS sa prendersi cura dei bisogni dei cittadini fin da quando scelgono di entrare in una farmacia comunale mettendo loro a disposizione un vasto paniere di prodotti a prezzo agevolato e servizi gratuiti”.

Tanti altri servizi verranno attivati – ha confermato la Consigliera Annalisa Mierla – “infatti dopo il grande successo riscosso dall’attivazione, in alcune farmacie AFAS, dei Baby Pit Stop voluti al fine di creare una cultura sull’importanza dell’allattamento materno, quest’anno amplieremo l’offerta creando ulteriori spazi dedicati all’assistenza sanitaria dei cittadini, mettendo in atto ciò che la Legge e la nostra Regione hanno sancito e deliberato: la Farmacia dei Servizi!

Dunque le nostre farmacie diventeranno sempre più quanto definito dalla legge n. 833/78: efficaci ed efficienti presidi del SSN! Vogliamo realizzare quella rete sinergica, indispensabile per il ben-essere dei cittadini, che collega l’alta specializzazione sanitaria con il territorio, vedendo così coinvolti in prima linea i medici di medicina generale, le professioni sanitarie e le farmacie, che saranno dei poli dove poter applicare holter pressori e cardiologici o effettuare elettrocardiogrammi ed esami di laboratorio attraverso l’auto-prelievo di sangue capillare, solo per citarne alcuni. La Farmacia dei Servizi è infatti un contenitore senza fondo, dove si potranno aggiungere altre analisi e strumentazioni a mano a mano che questa cultura prenderà corpo nel tessuto sociale”.

Mierla sottolinea anche che “non mancheranno neanche i servizi infermieristici  e fisioterapici, su richiesta medica come stabilito dalla normativa facendo così dei nostri spazi posti all’interno delle farmacie e costruiti a norma di legge, dei veri e propri “punti di salute” per facilitare l’accesso alle cure dei cittadini”.

“Il tema per AFAS – conclude il Presidente Puletti -è principalmente il seguente: qual è il valore aggiunto sanitario che il farmacista può apportare a vantaggio della salute dei cittadini. Con riferimento a tale principio ed in virtù di tale ricerca, AFAS sta sempre più orientando la propria gestione ed il proprio percorso:

–per sostenere il ruolo della farmacia quale attore centrale del “sistema salute”;

–per rafforzare il rapporto delle farmacie con il sistema delle “cure primarie”;

–per sostenere la rilevanza nella pratica farmaceutica delle “competenze professionali” dei

farmacisti;

–per garantire la “centralità del paziente” nel sistema della salute.

PERUGIA 1416/ IL BILANCIO DI UNA SECONDA EDIZIONE DI GRANDE SUCCESSO

Conferenza stampa di chiusura dell’edizione 2017 di Perugia 1416, andata in scena nello scorso week end (9-11 giugno) nel centro storico del Capoluogo umbro.

Ad illustrare dati e numeri è stato l’assessore Teresa Severini, anche nel suo ruolo di presidente dell’Associazione Perugia 1416.

“Sono emozionata e felice per una seconda edizione superiore alle aspettative, nell’ambito della quale si è respirata un’atmosfera meravigliosa. I Rioni hanno dato il massimo proseguendo un percorso di crescita che dovrà continuare nel tempo”.

Tantissimi i ringraziamenti da formulare: a sindaco e giunta per aver sempre creduto nell’evento, alla Regione per averlo sostenuto, a tutti coloro che hanno collaborato attivamente (protezione civile, Polizia Municipale, uffici comunali, prefetto, questore, stampa, sponsor artigiani, giuria), al regista Mantovani.

Pur essendosi concentrata l’attenzione sui tre giorni del palio – ha precisato l’assessore – va evidenziato che il lavoro di tutti è stato “spalmato” nell’intero anno perché Perugia 1416 è un progetto di coesione sociale, voluto per far rivivere la città nell’ambito del Rione, partendo dal centro fino ad arrivare all’estrema periferia. Sentimenti condivisi da Cardinale e Vescovo ausiliare, cui sono andati i ringraziamenti dell’Amministrazione.

Tra gli artefici del successo il regista Rodolfo Mantovani, coordinatore artistico del corteo storico, capace di debuttare alla grande con l’arrivo di Braccio in notturna (studiato insieme all’interprete del condottiero, ossia Alexio Bachiorri), la festa campestre, il corteo musicato, un’assoluta novità in Umbria per le rievocazioni, le voci narranti. Mantovani insomma è stato metodico, tranquillo, ma nel contempo forte e professionale.

Il principale ringraziamento, ovviamente, va ai rionali, che hanno lavorato alacremente per mettere in campo una manifestazione che ha confermato il grande successo che si sta ritagliando sempre di più.

Il momento più bello? E’ preso detto, la festa spontanea tra tutti i componenti dei Rioni, vinti e vincitori, andata in scena fino a tarda notte domenica sera presso la Taverna di Porta Eburnea ai Giardini Carducci. Una festa sana, senza rivalità nel vero spirito dell’evento.

Un pizzico di emozione nel citare le delegazioni ospiti giunte da altre rievocazioni; tra le tante spicca la presenza delle aree terremotate, con Camerino, Castel Raimondo e San Ginesio, mentre Norcia ha partecipato con il suo sindaco non potendo sfilare.

Sotto il profilo prettamente agonistico l’assessore ha reso onore al Rione vincitore, Porta Santa Susanna, che, con una rimonta incredibile, mette in bacheca il secondo palio consecutivo su due edizioni, portando il colore azzurro in vetta ancora una volta per un bis da brividi.

Ora già si pensa alla terza edizione che si terrà dall’8 al 10 giugno 2018.

Ripartiranno le conferenze, verranno potenziate le iniziative insieme alle Istituzioni cittadine, come l’accademia di Belle arti e le due Università, per consolidare la socializzazione ed ampliare la vivibilità della città nonché la promozione turistica. Sotto quest’ultimo profilo, vista la presenza di tanti stranieri nei giorni della rievocazione, si potenzieranno ulteriormente i pacchetti turistici.

Questione fondi. Pur con le limitate risorse a disposizione, ha detto Severini, si è fatto davvero tanto, cercando in parte di sostenere i Rioni (neonati) con un contributo di 4mila euro ciascuno. Il contributo generale del Comune (100mila euro) rappresenta secondo l’idea dell’assessore un investimento per la città, per rinsaldare legami sociali, stimolare opportunità economiche, culturali e ricreative.

Va segnalato, peraltro, che tutte le spese legate all’ospitalità, vitto, alloggio, ecc., sono state investite sul territorio, tramite la distribuzione di voucher, così come l’intera organizzazione dell’evento si è affidata ad artigiani ed artisti umbri.

“La città è unita – ha concluso l’assessore – questa è una manifestazione che viene dal basso e che i perugini vogliono”,

Il grazie finale ad Umbria Tv che ha gestito la diretta dell’evento senza alcuna spesa per il Comune. La versione integrale andrà in scena stasera alle 20.30 ed in replica venerdì sera alle 21.15.

“Sono molto emozionato – ha esordito il regista Rodolfo Mantovani – perché ancora ho negli occhi l’immagine del popolo perugino vestito a festa; un riverbero di energie coinvolgente ed entusiasmante. Ciò è frutto di un lavoro portato avanti con tutti, Comune, Perugia 1416, e soprattutto Rioni che hanno saputo agire in maniera autonoma”.

Tra i maggior successi dei Rioni la nascita delle taverne, punto di ritrovo fondamentale per la gente.

“Questa festa ha una peculiarità, perché a differenza di quanto avviene altrove non riguarda solo il centro storico, ma un territorio molto più ampio; proprio per questo, continuando a lavorare con tanta passione, sono certo che il coinvolgimento delle persone sarà sempre maggiore”.

Senza l’apporto di tutti – ha concluso Mantovani – la festa non ci sarebbe stata; ma i grandi sforzi sono stati ripagati dal vedere una fiumana di persone in corso Vannucci per un’emozione unica: “sono orgoglioso di aver partecipato perché Perugia è unica”.

All’incontro di oggi ha partecipato anche l’interprete di Braccio Fortebracci, ossia Alexio Bachiorri uno dei fondatori della Compagnia dei Grifoncelli, un gruppo di ragazzi appassionati sempre più richiesto in giro per l’Umbria e l’Italia.

“Io sono uno di voi – ha detto rivolgendosi ai rionali presenti – e lo sapete. Ho visto tante rievocazioni, ma aver potuto assistere a quanto accaduto quest’anno a Perugia è stato incredibile, vista la “bolgia” di sorrisi e di vitalità. La cosa più bella è aver riscoperto il senso di appartenenza, perfettamente simboleggiato da quegli stendardi cui i rionali tengono così tanto”.

Non poteva mancare al tavolo d’onore il rione vincitore Porta Santa Susanna, “scortato” a palazzo dei Priori da palio e stendardo e da un nutrito gruppo di Rionali, compresi diversi membri del consiglio dei Savi.

A rappresentare lo spirito degli “azzurri” è stato il Notaro Filippo Marcacci, rappresentante del Rione presso il consiglio dei Maggiorenti.

“Quest’anno è stato ineguagliabile il senso di sinergia tra Rioni ed organizzazione; per tale ragione possiamo dire che il successo della manifestazione rappresenta una vittoria comune di tutti coloro che c’hanno lavorato”.

La seconda vittoria consecutiva del Magnifico Rione di Porta Santa Susanna, per molti aspetti inattesa, porterà al Rione ulteriore entusiasmo, accrescendo quella passione che già si è respirata prima e dopo l’evento. “E’ stato stupendo percepire questo entusiasmo, l’emozione all’idea di sfilare, ecc. indipendentemente dalla vittoria finale”.

Il ringraziamento di Marcacci, a nome di tutto il Consiglio, è andato a tutti coloro che hanno contribuito attivamente al bis: gli atleti (presenti in sala i due staffettisti Marco Gramaccia e Roberto James Paoluzzi), la Magnifica Porta di San Facondino di Gualdo Tadino, gli sponsor, i sostenitori, ma soprattutto ogni singolo rionale.

8^ EDIZIONE DEL TORNEO DAT STREET E PRIMA EDIZIONE DELLA FLUO RUN/ DOMANI, MERCOLEDI’ 14 GIUGNO ALLE 11 IN SALA DELLA VACCARA LA CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE

Si terrà domani, mercoledì 14 giugno 2017, a partire dalle ore 11, presso la sala della Vaccara di palazzo dei Priori la conferenza stampa di presentazione di due eventi organizzati dall’Associazione di Promozione sociale Daniel Anton Taylor (DAT) con il patrocinio del Comune di Perugia.

Si tratta dell’ottava edizione del “3ON3 Dat street classic 2017”, torneo di basket che si terrà a Perugia dal 23 al 25 giugno e della prima edizione della Fluo Run, in programma nel Capoluogo il 23 giugno.

Partecipano alla conferenza l’assessore Dramane Waguè ed i rappresentanti dell’organizzazione.