Microcredito per le giovani imprese, ora si può. Presentato il progetto di Microcredito Italiano, Confartigianato e Banca di Viterbo (Foto e video)

Gaetano Alaimo

NewTuscia – VITERBO – Microcredito italiano: fino a 35 mila euro per i giovani che vogliono aprire un’impresa senza la necessità di garanzie da parte di terze persone. COmn un tutor pesonale che seguirà passo passo l’evoluzione e la crescita dell’impresa in relazione alle richiedete sul microcredito avanzate. E’ la grande opportunità che è stata presentata ieri presso la sala Primo Michelini della Banca di Credito Cooperativo, evento organizzato dall’ente creditizio viterbese in collaborazione con Confartigianato Imprese di Viterbo e Microcredito Italiano.locandinda microcredito

Presenti il direttore generale della Banca di Viterbo Massimo Caporossi; il presidente dell’Ordine dei Commercialisti di Viterbo, Marco Santoni;  il presidente della Camera di Commercio di Viterbo, Domenico Merlani; la prorettrice dell’Unitus Anna Maria Fausto; il direttore di Confartigianato Imprese Viterbo Andrea De Simone; il presidente di Microcredito Italiano SpA Massimo Severoni; l’assessore comunale di Viterbo Sonia Perà; il direttore generale di Microcredito Italiano SpA, Diego Rizzato.

A prendere la parola per primo è stato il direttore della Banca di Viterbo Massimo Caporossi, che chiarito come l’impegno del suo istituto bancario è sempre stato rivolto alla crescita del territorio locale, “per cui abbiamo accettato volentieri la sfida di Confartigianato e Microcredito Italiano. In un periodo di crisi come quello che stiamo attraversando devono essere dati ai giovani gli strumenti per credere nella possibilità di fare impresa”.

A coordinare la giornata Raimondo Tamantini, responsabili dell’area dei settori agevolati della Banca di Credito di Viterbo.

Le istituzioni locali, rappresentate dal Comune di Viterbo con l’assessore Sonia Perà e dall’Università della Tuscia con la prorettrice  Anna MAria Fausto, hanno lodato l’impegno per un progetto che dovrà permettere ai giovani, neolaureati e non e con voglia di fare impresa, di avere un’importante opportunità di finanziare le loro idee che si trasformeranno in nuove start up.

Diego Rizzato, direttore generale di Microcredito italiano, ha illustrato il progetto. “Saranno finanziabili fino a 35 mila euro per le imprese nate da non più di 5 anni e per un massimo di 7 anni. Siamo consapevoli che non è una cifra grande, ma permetterà ai giovani, senza avere necessità che nessuno garantisca per loro, di accedere al microcredito. Ringraziamo Banca di Viterbo che ha creduto in questo progetto e ha deciso di aderire. Attuiamo il decreto del 17 ottobre del 2014 che ha dato il via alla possibilità di finanziare i giovani che non hanno la possibilità di avere garanzie richieste normalmente dalla banche per avere dei finanziamenti”.

Soddisfatti anche il presidente della Camera di Commercio Domenico Merlani, per il quale “i giovani saranno stimolati, anche mediante il tutor, a non cedere nella loro progettualità imprenditoriale” e il presidente dell’ordine dei Commercialisti di Viterbo, Marco Santoni: “Grande rispetto per l’imprenditoria giovanile che, mediante il microcredito, avrà la possibilit di sviluppare le proprie idee e renderle concrete: si parte da cose semplici e concrete che diventeranno, un giorno, grandi imprese di successo”.

Andrea De Simone, direttore generale di Confartigianato Imprese Viterbo, ha lodato l’impegno di Banca di Viterbo per il progetto del microcredito: “Viterbo è la quarta realtà in Italia che ha portato a termine un progetto di microcredito, un grazie deciso alla Banca di Viterbo che ha creduto in questo progetto ed è lontana da logiche speculative lavorando per il territorio. Intendiamo fare un appello anche ad altra banche affinché aderiscano”.

microcredito11caoporossi

microcredito4

microcredito10caporossi

microcredito3

microcredito2desimone

microcredito9

microcredito8

microcredito7rizzato

microcredito6

microcredito5merlani

microcredito1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserisci la risposta corretta per lasciare il tuo commento *