1928 Vetralla, obiettivo 21 maggio. Mister Antonio Delle Monache: “La Coppa ci ha regalato grandi emozioni. Ci proveremo con tutte le nostre forze”

Vincenzo Castagna

NewTuscia – VETRALLA – Un cammino entusiasmante che vale già il salto di categoria garantito dalla graduatoria di ripescaggio anche in caso di sconfitta. Il Vetralla 1928 vola verso la finale di Coppa Lazio del prossimo 21 maggio contro il Città di Sonnino al termine di un percorso che ha entusiasmato tutti gli addetti ai lavori ed ha lasciato col fiato sospeso i protagonisti rossoblu costretti a vivere il proprio destino dagli undici metri sia nei quarti di finale che in semifinale. Sette mesi di emozioni che dagli ottavi di finale hanno visto mister Antonio Delle Monache prendere il comando del V1928 VETRALLAetralla e portarlo fino alla finale. Il tecnico vetrallese racconta come ha vissuto questo bel traguardo:

“E’ un percorso che va condiviso anche con il mio predecessore Zinna. E’ lui che ha portato il Vetralla in Coppa e l’ha guidato nel primo turno e nell’andata degli ottavi. Le emozioni che ti dà la coppa non te le può dare il campionato. Cinque partite di intensità altissima forse dovute dal fatto che tra andata e ritorno ci si gioca un destino. E’ stato un cammino molto intenso incontrando squadre che guidavano i rispettivi gironi di appartenenza. Siamo stati bravi. Abbiamo dimostrato di essere una squadra molto forte dal punto di vista della volontà e del sacrificio”.

Giuseppe Latini nei primi turni, poi Michele Barlocci ed Andrea Fa. Sono loro che hanno guidato il Vetralla 1928 fino alla finale anche se mister Delle Monache fa gioco di squadra: “Fare dei nomi è riduttivo ma occorre dare il merito a tutti i 22-23 che hanno giocato. Sicuramente Barlocci con i rigori che ha parato ci ha dato qualcosa di più ma sarebbe scorretto non citare tutti quei ragazzi che hanno fatto del Vetralla 1928 una squadra. Forse siamo arrivati fino a questo punto proprio per questo. Tra febbraio e marzo abbiamo passato due mesi difficili ma non abbiamo mai mollato e abbiamo superato le difficoltà proprio grazie all’apporto di tutti a cominciare da quelli che hanno giocato di meno ed hanno gioito con me in panchina”.

Ora a Vetralla si aspetta con ansia quel 21 maggio che potrebbe permettere a questa società storica di alzare un trofeo. Il tecnico Antonio Delle Monache promette il massimo impegno: “Quello che ho detto ieri sera ai ragazzi è proprio questo. Abbiamo pressochè centrato un obiettivo che equivale al secondo posto. In questo girone vista la Pescia non potevamo fare di più. Ma non abbiamo vinto nulla. Siamo io che la società teniamo molto a questo obiettivo e sono convinto che ce la giocheremo con tutte le nostre forze di fronte ad un avversario fortissimo come il Città di Sonnino leader del proprio girone con un ruolino di marcia da corazzata”.

BASSANO R.-1928 VETRALLA 0-0
1928 VETRALLA-BASSANO R. 2-1

1928 VETRALLA – PRO APPIO 1-0
PRO APPIO-1928 VETRALLA 1-1

MONTE MARIO-1928 VETRALLA 0-0
1928 VETRALLA-MONTE MARIO 4-3 d.c.r.

SP.GUARCINO-1928 VETRALLA 2-1
1928 VETRALLA-SP.GUARCINO 5-3 d.c.r.

FINALISSIMA 21 MAGGIO
1928 VETRALLA-CITTA DI SONNINO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserisci la risposta corretta per lasciare il tuo commento *