Leonardo de Angeli: “Ecco chi guadagna dietro lo sterminio degli animali”

loading...

foto articoloNewTuscia – VITERBO – Riscontrato ormai palesemente che il cinghiale a Viterbo è la causa prima di tutti i  peccati dell’umanità, credo sia ora di cominciare a chiedersi il perchè di tanto accanimento e chi guadagna alacremente nell’armare le orde di barbari che da ieri compiono orgasmici raid di morte ai danni di tutto ciò che si sposta di moto proprio.

Prendiamo in esame gli attori principali, primedonne incontrastate delle pagine di oggi: le associazioni e cooperative di agricoltori. Un giornale dal titolo “Agricolae” che si occupa guarda caso di agricoltura cercò qualche mese fa invano di scoperchiare alcuni sepolcri imbiancati riguardanti questo tipo di fosche associazioni e cooperative impenetrabili a qualunque forma di controllo;  organizzazioni professionali che da decenni soggiogano perfino le più grandi  Istituzioni, fino addirittura a mettere in riga gli stessi ministri agricoli, pronti a genuflettersi ai loro piedi dinnanzi a qualunque richiesta, anche barbara come quella che stiamo vivendo.

Cominciamo quindi a capire il motivo principe di tanto accanimento e il perchè sterminare centinaia, migliaia di lupi, cervi, daini, volpi, cinghiali, caprioli, piccioni, taccole, gazze etc etc  faccia cassa… e lasciatemelo dire… che cassa ! Il piacere maggiore chiaramente viene riservato a direttori e dirigenti che arrivano a guadagnare, negli ultimi undici anni, oltre dieci milioni di euro. Non voglio di certo fare processi ne facili deduzioni, ma se i guadagni dei vertici sono tali, non sarà che anche tutti i militanti o i dirigenti locali, accaniti esageratamente come diavoli nel più profondo degli inferi, subiscono lo stesso trattamento ?

Vuoi vedere allora che è per questo che quando questo tipo di cooperativa schiera il plotone di esecuzione, il fuoco dei politici  viene aperto ancor prima del puntate e mirate?

Mah! Cambiamo gruppo di fuoco; vorrei occuparmi ora delle grandi Associazioni animaliste a livello nazionale. Mi sarei aspettato in cuor mio di vedere banchetti affollati,  animalisti sandwich con scritte di fuoco, attivisti nei boschi con pentole e coperchi volantinaggi informativi o una delle  inutili quanto patetiche classiche fiaccolate all’italiana…….ma nulla; neanche un semplice rigo su uno sparuto giornalino on line della più piccola provincia.

Le Grandi Associazioni omertosamente tacciono e, dinnanzi a cotanta potenza si squagliano come neve al sole.

Riflettendo bene tra  me e me, ho compreso che non sono scomparse, si stanno solo preparando a contare gli incassi dei banchetti nelle piazze delle campagne pasquali “SALVA UN FINTO AGNELLO E STERMINA UN CINGHIALE VERO” per mezzo delle uova pasquali macchiate di sangue di poveri animali inerti colpevoli di non essere alla “moda” e “politicamente scorretti” vendute a prezzi da gioielleria di Via Monte Napoleone. Ed ecco spiegata l’assenza anche delle Grandi Associazioni.

Ora il punto 3: le Associazioni locali; anch’esse latitanti sull’aspromonte, perchè, anche per loro,( mi limito constatare non ad incolpare), ma, la vita di un cinghiale non ha valore, meglio star li a dibattere sui media di un più redditizio canile o una sana campagna di adesioni a suon di 10 euro, che non affrontare battaglie animaliste scomode ed irrilevanti; e dire che a Viterbo, anche se apparentemente nascoste, di associazioni …”animaliste” ne annoveriamo molte.  Macchè, neanche per loro …un ignobile cinghiale invasore val bene una messa.

In conclusione, prima di  urlare pubblicamente la mia sconfitta, vorrei rivolgermi direttamente al Sig. Sindaco, persona che stimo e che so essere estremamente obiettiva e sensibile, pregandolo vivamente di non firmare una ordinanza contro natura, unendo alla mia “sconfitta” anche quella del 97,5 % di cittadini  piegati e violentati da un manipolo di senza Dio,  da dirigenti a sei zeri e da animalisti talmente falsi da essere scambiati per monete da tre euro, informandola, Sig. Sindaco, che non potrà appellarsi neanche alla possibilità di augurargli “le vostre coscienze vi uccideranno”...semplicemente perchè queste persone  le coscienze purtroppo non le hanno.

Leonardo De Angeli