Alla Libreria Etruria un incontro con l’autrice Andrea Marcolongo

NewTuscia – VITERBO – Mercoledì 22 marzo, alle ore 17 alla libreria Etruria, un evento tanto atteso: Andrea Marcolongo, autrice di uno dei boom editoriali dell’anno: “La lingua geniale, 9 ragioni per amare il Greco”.
Certo non un manuale, bensì un viaggio alla scoperta di una civiltà che a distanza di tanti secoli continua a parlarci; una grammatica emotiva di una lingua tutt’altro che morta, ma che anzi contiene un modo di parlare, pensare, vivere denso di significato. Una lingua che attraversa il tempo e conserva intatta la sua bellezza.

copertina-andrea-1024x793

Come spiega Andrea Marcolongo: “Se ho scritto queste pagine, è stato perché del greco antico mi sono innamorata da ragazza: l’amore più lungo della mia vita, a conti fatti. Ora, donna, vorrei provare a regalare (o restituire) un po’ di amore a coloro che se ne sono disinnamorati: quasi tutti quelli che si sono imbattuti – da ragazzi – in questa lingua – da adulti – negli anni del liceo. E vorrei persino far innamorare coloro che questa lingua proprio non la conoscono. Non importa quindi che sappiate il greco antico oppure no.

Non sono previsti esami di maturità né compiti a sorpresa – sorprese invece sì, tante. Non importa neppure che abbiate frequentato il liceo classico. Se no, meglio. Se sarò stata in grado di guidarvi nel labirinto del greco con la mia fantasia, arriverete alla fine del cammino con nuovi modi per pensare il mondo e la vostra vita, in qualunque lingua la esprimiate a parole. Se sì, ancora meglio.

Se sarò riuscita a rispondere a domande che mai vi eravate posti o che mai hanno ricevuto risposta, forse alla fine di questa lettura avrete recuperato parti di voi perdute nella vostra gioventù trascorsa a studiare il greco senza capire bene il perché, e che forse vi potranno tornare utili, tanto utili, ora. In entrambi i casi, queste pagine saranno un modo, tra me e voi, per giocare a pensare in greco antico”.

A colloquiare con l’autrice ci sarà il giornalista di Tv2000 Pierluigi  Vito.