Un documentario “made in Terni” sulle terre confiscate alla mafia: giovedì 2 marzo la proiezione in Bct

NewTuscia – TERNI – Viene presentato domani, giovedì 2 marzo alle ore 16.30 in sala videoconferenze della biblioteca comunale di Terni, il documentario “Terre Rosse. I giovani, i vecchi, la terra, la mafia” (prodotto da LiberEtà in collaborazione con Spi Cgil, durata 52′ ) del regista ternano David Fratini. In Italia, tra immobili, terreni e aziende, si contano quasi 27.000 beni confiscati alle mafie. Il documentario di David Fratini racconta l’esperienza dei ragazzi e dei pensionati che lavorano insieme nei “campi della legalità”: il loro rapporto, il legame con la terra, l’idea di mafia.
Attivo anche in ambito televisivo, il ternano David Fratini nel 2011 vince il premio ‘miglior film’ al Festival Internazionale del Cinema Patologico con il corto “La domenica”.
Il documentario negli stessi giorni è in concorso al “Festival del Cinema Città di Spello e dei Borghi Umbri – VI Rassegna Concorso Le Professioni del Cinema”, e verrà proiettato nelle a Gubbio, a Spello ed il 17 marzo a Roma. La proiezione romana è particolarmente significativa perché il cinema Aquila è un bene sottratto nel ’96 alla Banda della Magliana e il documentario di Fratini parla proprio dei beni confiscati alle mafie, da nord a sud Italia.
Il regista sarà presente alla proiezione per introdurre il film e rispondere ad eventuali domande.
Il documentario, della durata di 52 minuti, è già stato proiettato a Roma alla Casa del Jazz, a Potenza e nel ternano ai festival Il Sole, La Luna di Giove e Popoli e Religioni; la fotografia è opera di Giuliano Felici; le musiche dei ternani Alessandro De Florio e Riccardo Diomedi accompagnano il film con sonorità country che si mescolando ai rumori della terra e ai diversi dialetti che scandiscono il racconto. Tra i tanti interpreti del film Mario Nicosia, superstite della strage di Portella della Ginestra, recentemente scomparso, Dario Caponnetto, nipote del magistrato Antonino e Calogero Parisi, presidente della cooperativa sociale “Lavoro e non solo” di Corleone.