Inaugurata questa mattina la casa della salute di Bagnoregio

loading...

Alla presenza del presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti

NewTuscia – BAGNOREGIO – Il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, ha inaugurato questa mattina la casa della salute di Bagnoregio, la seconda dopo quella entrata in funzione a Soriano nel Cimino nel mese di agosto dello scorso anno.

Nella nuova rete sociosanitaria territoriale delle cure primarie e di continuità socio assistenziale della regione Lazio, la casa della salute di Bagnoregio è una struttura che raccoglie e integra i servizi sanitari di assistenza primaria con quelli specialistici e sociali, con il supporto importante del mondo del volontariato. Al suo interno operano, nell’ottica di una medicina di iniziativa e di prossimità, diverse figure professionali, tra ostetriche, fisioterapisti, infermieri, assistenti sociali e specialisti ambulatoriali.

Nel corso della cerimonia di inaugurazione, il direttore generale della Asl di Viterbo, Daniela Donetti, e il sindaco di Bagnoregio, Francesco Bigiotti, hanno siglato un protocollo di intesa per l’integrazione sociosanitaria e l’istituzione del Punto unico di accesso (Pua): il luogo che semplifica l’accesso e facilita l’orientamento ai servizi, fornendo informazioni e indirizzando gli utenti sui percorsi aziendali attivati, sia nell’ambito della rete dei consultori, sia per quanto riguarda la presa in carico di specifiche patologie, come il diabete e lo scompenso cardiaco.

Attraverso il protocollo, in particolare, Asl e Comune mettono in atto la piena realizzazione dell’integrazione socio sanitaria sui tre livelli, istituzionale, gestionale e professionale con una effettiva presa in carico delle richieste di carattere socio sanitario e socio assistenziale dei cittadini.

Dal punto di vista demografico, la struttura inaugurata questa mattina risponde alle necessità strategiche di fornire una risposta ai bisogni di salute, costituiti principalmente da patologie croniche, ad un territorio esteso.

“Le attività e le discipline specialistiche che abbiamo attivato a Bagnoregio – commenta Daniela Donetti – rispondono proprio a questa esigenza e intendono garantire ai tanti comuni del comprensorio, compresi quelli della vicina Umbria, una offerta adeguata in relazione alla quantità e alla qualità dei servizi erogati. Da questo punto di vista consideriamo la nuova casa della salute un presidio strategico anche sul fronte del contenimento e del recupero del fenomeno della mobilità passiva”.

Cambia, quindi, il rapporto tra cittadino e sistema sanitario regionale con l’erogazione di servizi sanitari di alta qualità e alla portata di tutti.

La casa della salute di Bagnoregio – conclude Donetti – in ultima analisi può essere considerata un anello che si interpone e collega la vasta rete territoriale a quella ospedaliera. Il nostro obiettivo è la salute del cittadino, abbiamo tutti i presupposti e i mezzi per poterlo raggiungere