Nuovo appello contro la violenza politica dei Comuni di Canepina, Vignanello e Vallerano

NewTuscia – VALLERANO – Ancora una volta ci ritroviamo a dover fare il nostro appello contro atti che riteniamo incomprensibili e ingiustificati.

Sabato scorso infatti, in un clima già teso, qualcuno ha danneggiato, sembrerebbe con un grosso petardo, la porta della sede di Casapound Cimini a Vallerano.

Veduta di Vignanello
Veduta di Vignanello

Proprio in occasione del servizio andato in onda all’interno della trasmissione televisiva di Raitre Agorà, esprimevamo preoccupazione per la paura di un’escalation di fatti violenti.

La grave e ignobile aggressione avvenuta sabato 11 febbraio ai danni di un ragazzo che aveva espresso legittimamente le proprie opinioni, i ripetuti episodi di aggressioni e intimidazioni con modalità di stampo squadrista, hanno negli ultimi anni creato un clima di tensione nelle nostre comunità.

Chiediamo che si fermi ora questa strategia al rialzo; se tutto questo è la conseguenza del “gioco” che conduce chi vessa i ragazzi nelle scuole, sugli autobus scolastici, per le vie dei nostri paesi, minacciando chiunque con calci, pugni e cinte, allora noi ribadiamo il nostro sdegno.

Non indietreggeremo di un passo perché con noi c’è la comunità civile che ripudia la sete di violenza che si vuole mettere in campo a tutti i costi. La giustizia individuerà i colpevoli di questi atti, ne siamo convinti, e allora ogni responsabilità non sarà più vaga. Ci associamo all’invito pervenuto dalla famiglia di Paolo e lo rinnoviamo con convinzione

#maipiù

Invitiamo tutti i cittadini, le associazioni e le istituzioni che si riconoscono nei valori della non violenza e dell’antifascismo, così come richiamato dalla nostra Costituzione, a partecipare alla manifestazione pacifica che si terrà il giorno sabato 4 marzo dalle ore 14.30 per le vie di Vignanello e Vallerano affinché tutti insieme si possa dire #maipiù

Le Amministrazioni di Canepina, Vallerano e Vignanello

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *