Teatro, Verdecoprente festival: sei comuni dell’amerino sedi della stagione 2017

NewTuscia – TERNI – Alviano, Amelia, Giove, Guardea, Lugnano in Teverina e Montecchio sono i comuni sede della nuova stagione 2017 di Verdecoprente festival giunto alla sua sesta edizione.

verdecoprente nuova foto 2017

Il bando, già pubblicato e in vigore fino all’8 marzo, è riservato ad artisti, compagnie, gruppi di qualsiasi nazionalità ed età, purché maggiorenni, che possono presentare progetti di produzione, studio e ricerca nell’ambito della creazione per la scena contemporanea.

La rassegna è organizzata dai direttori artistici Roberto Giannini e Rossella Viti del Vocabolomacchia teatro.studio-associazione Ippocampo in collaborazione con le scuole e le amministrazioni comunali.

“Nato con l’obiettivo di promuovere e sostenere le pratiche sceniche, performative ed artistiche della contemporaneità – spiegano Giannini e Viti – il progetto, dalla scorsa edizione valevole per tutto l’anno, si muove tra comprensorio amerino e bassa valle del Tevere, in un territorio umbro ricco di testimonianze storico-artistiche, di saperi immersi nella natura, frammentato in molti piccoli centri cittadini e rurali che Verdecoprente collega in una rete dal delicato equilibrio di rapporti e risorse possibili”.

Verdecoprente, riferiscono sempre gli organizzatori, lavora per una cultura dell’accoglienza che possa comprendere il processo creativo come bene comune, leggendolo nella sua dimensione di strategia e sperimentazione, importante elemento della produzione artistica contemporanea e nello stesso tempo opportunità di scambio, relazione, educazione e crescita del territorio e degli artisti.

“Accogliere proposte di creazione in residenza – concludono i direttori artistici – significa quindi accompagnare ed inserire il lavoro degli artisti all’interno di un tessuto sociale fortemente identitario, coinvolgere enti, cittadini, associazioni e aziende, esplorare forme di approccio e partecipazione delle comunità locali ai processi e ai percorsi della creazione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *