A Sutri: La Pace in Piccolo al Caffe Letterario

loading...

NewTuscia – SUTRI – E’ di pochi giorni fa un episodio di cronaca che ha visto coinvolti in una rissa per strada, in pieno giorno, dei giovanissimi ragazzi a Sutri. Viene quindi ,quasi spontaneo, chiedersi il perché non vi sia una cultura della pace nelle famiglie, nei ragazzi, tra le persone o perché si sia sopita.

Proprio a Sutri, sarebbe utile che questi ragazzi, le loro famiglie e non solo, partecipassero il 19 Febbraio 2017 alle ore 17.30, al quinto incontro del Caffè Letterario di Colle Diana per capire un po più di sé. Ospite sarà Paolo Naggar , studioso di logica matematica e di rappresentazione della conoscenza. Lavora presso l’Università La Sapienza di Roma ed è impegnato in diverse iniziative di carattere sociale e, in particolare, è da diversi anni, socio operativo di Pizzicarms. Questa Onlus dal 1999 è impegnata nell’attività di sensibilizzazione sulla tematica dei bambini-soldato, del commercio di armi, delle guerre, dello sfruttamento indiscriminato delle materie prime e si occupa del recupero dei bambini soldato, con una struttura nella Repubblica Democratica del Congo e dal mese di Ottobre, con cadenza mensile, promuove una serie di incontri, molto frequentati, al Caffè di Colle Diana a Sutri. Paolo Naggar, grazie alle le sue conoscenze in merito alla logica, ci accompagnerà, con un linguaggio chiaro e semplice, ad affrontare il nostro desiderio di una pace mondiale.

Tutti la vorremmo, tutti dichiariamo di non sopportare la violenza. Sui nostri profili social appaiono bandiere della pace, simboli e richieste contro la violenza sulle persone, inorridiamo di fronte a notizie di attentati e di conflitti. Ma….siamo capaci ad essere pacifici nel nostro piccolo, tanto quanto vogliamo la pace nel mondo? Questi saranno i temi che guideranno l’incontro, con letture e riflessioni e confronti, fino a scoprire un po’ più di noi e comprendere come affrontare la mancanza di cultura della pace che ultimamente circonda le nostre vite e porta adulti e ragazzi a non vedere nella pace e nel rispetto dell’altro un valore imprescindibile per la felicità nella propria vita.

loading...