Bernini (M5S): “Riapertura Civitavecchia – Capranica – Orte ad un passo dal traguardo”

NewTuscia – ROMA – “Per la riapertura della ferrovia siamo di fronte ad un’ampia convergenza di tutte le forze politiche presenti sul territorio e di una grande mobilitazione della società civile e dei sindaci, molti dei quali presenti al convegno. Ci auguriamo perciò che il governo nazionale e quello regionale non sciupino un’occasione storica per il rilancio della Tuscia e del centro-Italia con il ripristino di una ferrovia turistica che inoltre valorizzerebbe sicuramente il nostro patrimonio storico-culturale.”

Lo dichiara il portavoce 5Stelle Massimiliano Bernini che lo scorso 3 febbraio ha partecipato a Gallese all’incontro pubblico sul tema.

“Il convegno – spiega Bernini – è stato organizzato dal Comitato per la riapertura della ferrovia Civitavecchia Capranica Orte, presso il museo “Scacchi” di Gallese, ed ha visto la partecipazione oltre che del sottoscritto della consigliera regionale 5 stelle Silvia Blasi, del Sindaco di Civitavecchia Antonio Cozzolino e del consigliere di Fabrica di Roma Davide Frate, insieme a diversi di attivisti e simpatizzati del Movimento 5 Stelle della provincia. Con la consigliera Blasi abbiamo innanzitutto ringraziato i membri del Comitato che sono riusciti nell’impresa storica di coinvolgere e appassionare tutte le istituzioni e i rappresentanti politici delle province di Roma e Viterbo, al progetto di riattivazione della ferrovia.

Il Movimento 5 Stelle da sempre si batte per il potenziamento del trasporto pubblico locale, in modo particolare quello “su ferro”, vista la sua sostenibilità ambientale e le potenzialità in termini di sviluppo economico e sociale delle comunità locali. Vanno infatti in questa direzione i due ordini del giorno a prima firma Blasi che impegnano la giunta del Lazio ad inserire la ferrovia  tra le opere di primaria importanza da finanziare, gli atti della “giunta Cozzolino”, vari atti depositati in Parlamento e la votazione unanime (senza astenuti e contrari) dello scorso 24 gennaio alla Camera, della legge per l’istituzione delle ferrovie turistiche che annovera anche la nostra Civitavecchia-Capranica-Orte. Non dimentichiamoci inoltre che è l’Europa delle reti di trasporto trans-europee TEN-T a chiederci di ridurre notevolmente entro il 2050, i tempi di percorrenza verso le principali direttrici e le emissioni inquinanti.

Fin quando cittadini e amministratori ce lo chiederanno – conclude il pentastellato della Tuscia –  il Movimento 5 Stelle si impegnerà per la riattivazione della ferrovia Civitavecchia Capranica Orte, e nel rispetto dei vincoli ambientali.”