Ceramica Globo vince al tie break su Mondovì

 

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

NewTuscia – CIVITA CASTELLANA -Una maratona di cinque set e quasi due ore e mezza di gioco: tanto ci è voluto alla Ceramica Globo Civita Castellana per imporsi nell’anticipo serale della penultima giornata sul difficile campo di Mondovì e conquistare due punti d’oro contro l’attuale seconda forza del campionato. Spanakis non aveva mai vinto in due stagioni contro la formazione di Barisciani – con l’andata stagionale finita 3-1 per i piemontesi in casa laziale – e lo fa forse nella gara che ha il peso specifico maggiore di quelle fin qui disputate; due punti importantissimi in chiave playoff per i rossoblù, che adesso attendono i risultati delle gare di domani per capire se la poule promozione si deciderà all’ultima gara o meno. Da seguire da vicino Castellana Grotte contro Brescia, con i lombardi ora sesti in classifica (e quindi out dai playoff) a quattro lunghezze proprio da Civita.

VBC MONDOVI’ – CERAMICA GLOBO CIVITA CASTELLANA 2-3 (20-25, 26-24, 15-25, 25-23, 13-15)
CERAMICA GLOBO CIVITA CASTELLANA: Valsecchi 7, Banderò 24, Sacripanti, Marchiani 4, Preti 18, Cicola (L1), Ippolito, Marinelli 18, Pellegrino. N.E. Saturnino (L2), Bortolozzo. All. Spanakis. Ass. Pastore.
VBC MONDOVI’: Menardo 5, Bolla 31, Parusso 11, Manassero 12, Prandi (L1), Picco 7, Cortellazzi 7, Cattaneo. N.E. Turco, Miola, Perla, Garelli (L2), Cattaneo. All. Barisciani Ass: Revelli.

Mondovì perde con il sapore dolce di una sconfitta da un punto che assegna però alla società il pass matematico per i playoff: ancora priva del suo uomo cardine Matteo Paoletti (infortunio per lui due mesi fa al tendine del gomito sinistro) ha trovato questa sera in un super Bolla fuori ruolo, l’uomo del match con 31 punti personali.

Poteva finire meglio, a rigor di cronaca, la partita di Civita Castellana. Marchiani e compagni hanno sempre tenuto in mano il pallino del gioco, mancando però di cinismo e di attenzione in due frangenti che hanno portato ad un bottino ridotto. Avanti sempre nel conto dei set, si sono fatti riprendere due volte, ma sono riusciti comunque sul fotofinish a mettere fuori la testa e aggiudicarsi la gara. Va bene così. Le squadre si sono pressochè equivalse nei diversi fondamentali con i monregalesi che hanno trovato nei 10 ace totali (e in un Bolla in serata di grazia), il fondamentale che li ha tenuti a galla quando sembravano capitolare più volte.

Non c’è ancora la matematica certezza dei playoff per la Globo che sono attesi ora dall’ultima casalinga a Montefiascone contro il fanalino di coda del Girone, la Materdomini Castellana Grotte, il prossimo 5 febbraio alle ore 18:00. Si giocherà in contemporanea su tutti i campi.

Formazioni
Marchiani-Banderò, Celic-Valsecchi, Marinelli-Preti, Cicola libero per i laziali. Cortellazzi-Bolla, Parusso-Picco, Manassero-Menardo, Prandi libero per i piemontesi.

La cronaca del match
1° SET: Nel primo set Civita parte subito lancia in resta alla conquista dei punti che gli occorrono e spinge in battuta con l’ace di Marinelli del 6-10 ma Mondovì non resta a guardare e anche Parusso trova gloria al servizio in zona di conflitto riavvicinando i padroni di casa sul 9-11, poi gli ospiti dilagano con Pretiscatenato che si sobbarca tutto l’attacco civitonico e i parziali si allungano dal 10-16 al 12-19, con la grande pipe in zona cinque proprio di Preti (che chiuderà il set con 10pt personali). Barisciani cerca nel discrezionale di interrompere la verve degli avversari e in parte ci riesce raggranellando qualche punto; la battuta in rete di Bolla, fin qui il migliore dei suoi, consegna il set alla Globo (20-25).

2° SET: Parte meglio Mondovì e il primo tempo servito da Cortellazzi a Parusso va a segno per il 5-3 e poi lo stesso centrale trova l’ace al servizio per il +3 monregalese. Muro e difesa cominciano a funzionare in casa laziale e Celic accorcia le distanze a muro, è poi il compagno di reparto Valsecchi in attacco a siglare l’aggancio sul 13-13. Si prosegue fino al 15-15 quando è ancora la premiata ditta Marchiani-Valsecchi a portare il +2 del sorpasso, mentre è Bolla l’unico terminale offensivo dei biancoblù e macina punti. Ancora parità con l’ace di Preti all’incrocio delle righe (19-20) e poi Banderò spara cannonate ingestibili in difesa. Sembra tutto fatto per la Globo quando Celic stampa Bolla sul 22-24, ma gli ospiti peccano di superficialità e Bolla li punisce: il suo turno di servizio è devastante e le sue rigiocate capovolgono il fronte, che dopo i vantaggi assegna il set a Mondovì: set point con videochek invocato da Spanakis sulla smanacciata out di Preti (26-24).

3° SET: Civita non ci sta e al rientro in campo si porta subito sul +4 (3-7). E’ Marinelli il migliore della Globo nel parziale, ma è tutto il sestetto che da animale ferito esprime un’ottima pallavolo. Il martello veliterno piazza bene il pallone del 9-16 segnando un distacco incolmabile che fa infuriare Barisciani sulla panchina opposta. Marchiani è attentissimo in difesa e copertura e di prima intenzione mette a terra il pallone del 11-18, con gli avversari che prendono poi il cartellino rosso con Parusso regalando il ventesimo punto ai rossoblù. Set chiuso da Banderò in attacco che in maniera perentoria schianta a terra il 15-25finale.

4° SET: Nuovo vantaggio esterno ed è allora nuovamente Bolla a tirare fuori dai guai i suoi. E dire che Civita era partita galvanizzata, quando sul 2-6 aveva costretto il coach piemontese subito al discrezionale e ad una dura strigliata dei suoi giocatori. Bolla trova l’ace del 6-8 ed è proprio il servizio l’arma in più di Mondovì che manda in tilt la ricezione ospite. Con quattro ace totali nel parziale e diversi slash laziali, la VBC si rimette in carreggiata e Civita vacilla (14-12). La diagonale biancoblù è infermabile e l’opposto monregalese si avvicina alla trentina personale, coadiuvato da Prandi in regia difensiva che contiene gli attacchi e recupera avversari. Quando Manassero chiude la porta ad un Preti in difficoltà siamo sul 20-19 e Spanakis ferma il gioco. Marinelli ci prova in attacco e in difesa e anche Valsecchi è chiamato a dare il suo contributo offensivo, ma qualcosa si inceppa invece per l’opposto brasiliano che con tre errori consecutivi e insoliti porta al set point gli avversari. Finisce con il videocheck protagonista sull’invasione di Civita che consegna il set a Mondovì e rimanda tutto al tie-break (25-23).

5° SET: Formazioni stanche e schemi che saltano nel set decisivo, dove si gioca di nervi e sulle iniziative dei singoli da entrambe le parti. Al cambio di campo la Globo è avanti 6-8. Il videocheck viene ancora invocato sull’8-9 a seguito di una smanacciata di Manassero giudicata erroneamente out. Parità. Banderò cerca di sfondare in attacco su palle difficili trovando in due occasioni le mani di Cortellazzi e allora Mondovì avanti 11-9. Bene Valsecchi e Marinelli che tra attacco e muro su Bolla impattano e sorpassano. Brivido sulla battuta out dello specialista Sacripanti subentrato a Valsecchi, prima del liberatorio primo tempo di Celicche porta in dote due punti vittoria finale e due pesanti per Civita Castellana (13-15).