Consulta Comunale di Terni per l’Integrazione e Dialogo intereligioso e interculturale (Tre video)

terni1  Simonetta Melinelli

NewTuscia – TERNI – Un incontro promosso dalla Consulta Comunale per l’Integrazione presieduta da Abderrahim Maarouf del Marocco con rappresentanti dei cinque continenti delle comunita’ di immigrati residenti a Terni per festeggiare, nella ricorrenza dell’Epifania, con Imam mussulmano e Prete del vescovato cio’ che ci unisce.

Sono intervenuti il Sindaco Di Girolamo e l’Assessore per la Cooperazione Internazionale Ricci, nonche’ rappresentanti della Questura, Prefettura, Servizi Sociali e delle Associazioni di Immigrati dei vari Paesi, tra i quali Bartolini dell’associazione anziani immigrati, Eddie Nebo della Nigeria dell’Associazione Namaste’. Inoltre una ragazza dell’Associazione filippina ci ha allietato con la sua voce bellissima.

 

 

Il sindaco ha sottolineato “la volonta’ umanime di maggioranza e minoranza in Consiglio comunale che ha permesso di istituire la Consulta Comunale per l’Immigrazione a Terni come organismo consultivo del Consiglio su tutte le politiche comunali per considerare anche le esigenze delle comunita’ straniere residenti a Terni”.

La rappresentante della Prefettura ha sottolineato “l’importanza del consiglio provinciale per l’immigrazione, presieduto dal Dr. D’Amico, dove sono rappresentate le associazioni delle comunita’ dei residenti stranieri a Terni”.

 

Tanti bambini ed adolescenti cresciuti in Italia erano presenti ed Eddie Nebo ha ricordato che questi sono cresciuti con La cultura italiana e si sentono integrati in Italia, che considerano la propria patria e che pertanto rivendicano il diritto alla cittadinanza.

Eddie Nebo ha evidenziato, nel suo interessante intervento con un dettagliato excursus legislativo sull’Immigrazione e una panoramica delle sfide elettorali del 2017 in Europa in particolare in Germania e Francia, la necessita’ di una nuova legge organica che regolamenti in modo chiaro i diritti e doveri degli immigrati  e non solo leggi quadro che regolamentino le emergenze dell’immigrazione dei rifugiati che fuggono da  guerre e poverta’ nei Paesi di provenienza.

L’assessore ai servizi sociali di Narni, un’insegnante, ha sottolineato “l’integrazione e la conoscenza che si sta  sviluppando sui banchi di scuola in Italia e  che portera’ a fidarsi l’uno dell’altro in futuro in un Paese arricchito dalla multiculturalita’”.

 

L’Imam e Don Giovanni del Vescovato, in un fraterno abbraccio, hanno sottolineato la fratellanza che lega tutti i credenti di qualunque religione contro ogni terrorismo ed estremismo condannando ogni uccisione che non puo’ essere tollerata da nessuna religione.

Dal Marocco e dalle Filippine dolci e bevande offerte ai presenti a fine incontro per brindare insieme al nuovo anno.