Consulenze esterne, Palozzi (Fi): “Oltre 8 milionidi sprechi. L’annus horribilis di Zingaretti”

loading...

(NewTuscia) – ROMA – “Consulenze esterne, per Zingaretti un annus horribilis ma solo lui non se ne è accorto. In questo 2016 sono stati ben 34 i bandi di concorso per l’affidamento di incarichi a soggetti esterni all’amministrazione regionale – pubblicati sul sito istituzionale -, la gran parte atti alla ricerca di dirigenti da inserire in delicate e importanti aree amministrative e gestionali della Regione Lazio.

Nicola Zingaretti, presidente della Regione Lazio

Oltre 8 i milioni di euro, che saranno prelevati direttamente dalle tasche dei già bistrattati cittadini, per pagare i lauti stipendi di queste professionalità esterne, scelte con procedure sì previste dalla normativa ma che attirano perplessità, legate a opportunità e buonsenso: i criteri, previsti nella quasi nella totalità dei bandi di concorso, infatti non sono vincolati da procedure di comparazione formale fra i soggetti candidati, fermo restando l’obbligo di motivazione della scelta, effettuata ai sensi del regolamento regionale numero 1/2002. Davvero un bello schiaffo alle politiche di trasparenza, spending review e lotta agli spechi, tanto decantate dal governatore del Lazio le cui consulenze esterne, oltre a pesare sulle tasche collettive, ledono al contempo la già calpestata dignità del nostro efficiente personale interno. Sinceramente, avremmo preferito che questi milioni di euro fossero investiti in comparti regionali, oggi in forte crisi, come la sanità e i servizi sociali. Invece ci ritroviamo a commentare l’ennesimo spreco di una giunta, quella di centrosinistra, contraddistintasi solo per immobilismo, spreco di risorse economiche e inefficienza amministrativa”. Così, in una nota, il consigliere regionale FI, Adriano Palozzi.