L’altra metà dell’arte, mostra di Artemisia Gentileschi e il suo tempo

loading...

(NewTuscia) – ROMA – Realmente poche sono state le pittrici divenute famose. Artemisia Gentileschi con il suo talento riuscì, giovanissima, arrivata da Roma a Firenze, ad entrare all’Accademia delle Arti e del Disegno. La sua determinazione le fece poi imparare, già adulta, a leggere e scrivere, a suonare il liuto, a frequentare il mondo culturale a lei contemporaneo e ad essere apprezzata in tutti i paesi dove soggiornò, da Napoli all’Inghilterra. La sua volontà le consentì di superare le violenze familiari e le difficoltà economiche.

La mostra percorre la vita di Artemisia attraverso la sua ricca produzione pittorica, spesso incentrata sui personaggi femminili delle eroine della Bibbia e della mitologia antica rappresentate in azioni cruente. Le sue opere sono messe in relazione con quelle dei pittori attivi in quegli anni d’oro a Roma come Simon Vouet e Giovanni Baglione, fonti d’ispirazione rispetto ai quali la pittrice aggiorna, di volta in volta, il suo mutevole stile.

Appuntamento sabato 17 dicembre alle ore 9.45 davanti all’ingresso di Palazzo Braschi, Piazza di S. Pantaleo n.10

Costo per Soci e non-Soci: € 25,00 a persona (prenotazione, biglietti, Guida, radioauricolari per l’ascolto della Guida)

Durata della visita guidata: 1 ora e 45 minuti circa (prosieguo “libero” nel Palazzo)

PRENOTAZIONI: mail amicideltevere@unpontesultevere.com; cell. 3395852777 – 3397448084