“Il filo di Anna” di Anna Merolle

Federica Marchetti

(NewTuscia)libro2 – Il disagio come percorso collettivo per ritrovare la strada della serenità: il libro di Anna Merolle indaga nei meandri della mente e condivide con pazienti e lettori esperienze e sofferenze.

Il filo di Anna, scritto dalla psicologa Anna Merolle, intreccia le parole dei pazienti disposti a condividere le loro storil_ritorno_del_gn_2015_con_foto_1_201503241110711_vobttotxuimpp2kg8m00uchgbie con la sua analisi per un rapido vademecum dei disagi più diffusi della nostra epoca. Dalla disistima alla depressione, dall’ansia alla dipendenza affettiva, dal tradimento al sesso virtuale fino alla violenza, quasi in un percorso a tappe tra loro collegate, l’autrice analizza, passo per passo, le storie dei protagonisti, le loro trappole affettive, le compulsioni, gli schemi per offrire ai lettori curiosi, ma anche a quelli bisognosi, una terapia letteraria e indicare i labirinti mentali nei confronti dei quali siamo tutti a rischio. In una società ossessiva, competitiva e sull’orlo del collasso, una guida dalla mano ferma è uno strumento necessario per riuscire a sopravvivere indenni o per lo meno per essere pronti a combattere la guerra contro i propri fantasmi.

Con un linguaggio professionale ma semplice e diretto, con storie comuni ma allo stesso tempo straordinarie, con la sofferenza di chi rilegge nelle pagine della Merolle esperienze conosciute irrisolte o risolte, con la curiosità di chi scopre universi complessi, il libro mira a trasformare il disagio nel tentativo di trovare una voce amica disposta ad ascoltare e correre in aiuto.

Mercoledì 30 novembre alle ore 18,00 la psicologa Anna Merolle presenterà Il filo di Anna (Intermedia Edizioni) insieme a Federica Marchetti: appuntamento alla Libreria Etruria di via Matteotti 67 a Viterbo.

merolle
Anna Merolle

  

Gaetano Alaimo

Direttore responsabile www.newtuscia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserisci la risposta corretta per lasciare il tuo commento *