Gianni Cuperlo a NewTuscia TV: “Ecco perché dico sì al Referendum costituzionale”

Patrizia Sacripanti

(NewTuscia) – ACQUAPENDENTE – Ieri Gianni Cuperlo (Sinistradem) fra la gente ad Acquapendente per parlare del referendum del 4 dicembre.

All’assemblea erano presenti l’On. Alessandra Terrosi, il segretario provinciale del PD Andrea Egidi, l’On. Alessandro Mazzoli e vari esponenti della provincia di Viterbo.

gianni-cuperlo
Gianni Cuperlo
Ha aperto la conferenza Alessandra Terrosi, quindi il saluto del segretario Andrea Egidi.

Gianni Cuperlo ha preso la parola subito dopo. “Sono giorni e settimane impegnative per tante ragioni – ha detto Cuperlo – . Sono giorni che possono cambiare la storia, che detta così è una frase enfatica ma ne sono certo.  In questo momento la storia è già cambiata, vediamo la vittoria di Trump, è uno degli eventi che può condizionare l’avvenire del mondo. Le domande fondamentali che si pongono gli elettori sono se è giusto e utile bloccare anche questo ennesimo tentativo di una riforma che ha, nei suoi principi ispiratori, il superamento del bicameralismo attuale e un procedimento legislativo in qualche misura più snello e più agile con le garanzie che, poi, comunque si troveranno:  la mia risposta è no, non sarebbe una buona cosa per il Paese bloccare e fermare questo processo”.”Ho espresso delle critiche anche aspre nei confronti del modo di condurre la vita del nostro partito in questi ultimi anni – continua Cuperlo – e l’ho fatto pubblicamente e sempre nelle sedi deputate. A questo governo va dato atto, però, che ha fatto delle cose importanti sul terreno dei migranti, della civiltà, delle unioni civili, quindi io posso arrivare al punto di sostenere una posizione che, nei fatti, avrebbe come effetto la caduta di questo mio governo? Non è giusto farlo”.

GUARDA L’INTERVISTA DI NEWTUSCIA TV: