San Lorenzo Nuovo ha celebrato il Giorno dell’Unità Nazionale e Giornata delle Forze Armate

(NewTuscia) – SAN LORENZO NUOVO – Domenica 6 novembre 2016 San Lorenzo Nuovo e la sua cittadinanza hanno celebrato la ricorrenza del 4 novembre, Giorno dell’Unità Nazionale e Giornata delle Forze Armate.

Le celebrazioni hanno avuto inizio fin dalle ore 10.00 quando le Autorità Locali e le Associazioni Combattentistiche e d’Arma si sono radunati in Piazza Europa; dopo i saluti di rito i presenti si sono recati a rendere omaggio ai caduti, simbolicamente ricordati nei tre monumenti presenti sul territorio: il monumento ai Soldati Francesi caduti nella 2^ Guerra Mondiale, il Monumento dedicato alla Guardia di Finanza e quello dedicato all’Arma dei Carabinieri.

Successivamente il corteo, sotto una fastidiosa san-lorenzo-nuovopioggia che però non ha scoraggiato i bambini del paese festanti con i loro piccoli tricolori in mano, si è trasferito presso il cimitero degli Eroi, dove sulle note del Piave è stato deposto un omaggio floreale e reso gli onori a tutti i caduti, qui rappresentati da 60 lapidi e citati uno ad uno dal Sindaco; successivamente il Parroco, Don Ugo Falesiedi, ha impartito la propria benedizione.

Al termine della cerimonia il corteo si è diretto al Palazzetto dello sport per la celebrazione della Santa Messa.

Nel suo discorso il Sindaco Massimo Bambini ha ricordato come “Il contributo delle Forze Armate nella storia del nostro Paese sia un valore certo e unanimemente affermato, riconosciuto anche dall’ordinamento democratico nazionale nella formula: le Forze Armate sono al servizio della Repubblica. Con queste parole la legge esprime, nella forma più alta e profonda, il legame indissolubile che esiste fra le Forze Armate, l’Italia e il suo popolo. Perché le Forze Armate sono, da sempre, al servizio della comunità e, al tempo stesso, ne sono diretta espressione, interpretandone e custodendone i valori.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserisci la risposta corretta per lasciare il tuo commento *