Divieto acqua potabile a Bassano Romano, Boldorini: “Maggi non sa cos’è la comunicazione”

loading...

 

Alfredo  Boldorini
Alfredo Boldorini

(NewTuscia) –BASSANO ROMANO – Non si placano le polemiche in seguito all’ordinanza di divieto di uso della acqua per uso potabile ed alimentare.

Il sindaco Maggi, dopo aver riscontrato fenomeni di intorbidimento, in via cautelativa, ha emesso ordinanza di non potabilità dell’acqua su tutto il territorio comunale servito dalle rete idrica pubblica. Salvo però non darne diffusione capillare ai cittadini, non sfruttando tutti i canali disponibili. Risultato: incertezza e preoccupazione tra la gente.

Non bastano infatti quattro fotocopie, formato tascabile affisse qua e là per il paese. Occorre darne ampia e dettagliata diffusione su tutti i canali disponibili: un tema come quello dell’acqua pubblica andava pubblicizzato con ogni mezzo disponibile, anche con volantini e altoparlante!

In campagna elettorale ci si riempie la bocca con slogan sull’acqua bene comune, accessibile a tutti, senza preclusioni di sorta e poi quando capita un inconveniente, siamo impreparati, ci si siede aspettando che i cittadini facciano da se. Questo è intollerabile!

A suffragare tutto questo stato di cose, giusto questa mattina, ho fatto personalmente un sopralluogo per le vie cittadine ed ho scoperto che in nessuna delle nove fontane incontrate che erogano acqua pubblica, la maggior parte site nel centro storico, era esposta l’ordinanza o comunque il divieto di potabilità. Vogliamo informare la cittadinanza anche quella che non ha dimestichezza con il web o con facebook? Per la giunta Maggi esistono solo questi due canali ed i vecchi cari manifesti giganti non vanno più di moda!

Tant’è vero che nel mio giro ho parlato con molti anziani i quali mi hanno confermato che non hanno informazioni precise. Hanno sentito dire che non si può bere però non hanno alcuna possibilità di sfruttare mezzi alternativi. Perciò sono costretti ad usare l’acqua torbida che esce dai rubinetti. In attesa dell’esito delle analisi, il caos regna sovrano.

Alfredo Boldorini
Consigliere Comunale