Gubbio, Sindaco Stirati ospite a “Link”, rubrica di approfondimento del TGR

SINDACO STIRATI TRACCIA CONSUNTIVI E PROGETTI  DELL’AZIONE DI GOVERNO OSPITE  A ‘LINK’ RUBRICA DI APPROFONDIMENTO  DEL  TRG

(NewTuscia) – GUBBIO – Andrà in onda domani sera  giovedì 27  ottobre alle ore 21 ( in replica venerdì  alle ore 14,30 e alle 21 su canale 111, nonché  domenica 30  alle ore 18)  un’intervista ad ampio raggio al sindaco Filippo Mario Stirati, condotta dal direttore di TRG, Giacomo Marinelli Andreoli, per il settimanale di approfondimento “Link”.

Viene tracciato  un bilancio dell’azione amministrativa di metà mandato  di governo, con particolare attenzione ai progetti realizzati  e alle problematiche aperte della città e del territorio, che Stirati anticipa  nei punti salienti.  « In questi anni, la nostra ‘bussola’ è stato il programma che ci siamo dati ad inizio mandato, dove c’è una visione della città e del suo sviluppo, su come valorizzare e gestire il territorio. Anche se non ignoriamo le problematiche quotidiane, e  sono spesso i cittadini che ci pungolano su questo (strade, illuminazione, traffico, rifiuti) e in presenza di carenze di fondi e di personale, abbiamo messo a segno strumenti che stanno dando risposte e ancor più daranno frutti in futuro.   SVILUPPO, LAVORO, FONDI EUROPEI, TEMATICHE SOCIALI.

Le preoccupazioni maggiori sono legate allo sviluppo, al lavoro e alle tematiche sociali e su questo abbiamo attivato azioni per risorse straordinarie, con una struttura  comunale per il reperimento di fondi  attraverso Bandi Europei,  per i quali  tra breve dovrebbe aprirsi la nuova fase di assegnazione. Puntiamo sul PSR –  Piano di Sviluppo Rurale, e risultati si stanno ottenendo  con Joint – Acceleratore d’Impresa, mentre  con l’Area Interna,  seconda  nel panorama regionale, si avranno  finanziamenti specifici e mirati per il rilancio dell’intero territorio, in un  quadro di strategie condivise. Sul fronte dell’occupazione, pur non avendo il Comune competenze dirette nell’imprenditoria, ci siamo adoperati per sviluppare una politica di stimolo e incentivi e un successo è anche la ripresa di alcune attività, come  quella di un’ impresa tessile al femminile  che ha riaperto i battenti di recente, con ottimi risultati.

Certo,  i drastici tagli governativi subiti nell’erogazione dei fondi, rendono il Comune un ente esattore verso i cittadini,  ma nonostante questo abbiamo mantenuto i servizi soprattutto per le fasce più deboli e disagiate, dall’infanzia agli anziani. RILANCIO DEL TURISMO, VIABILITA’, AMBIENTE E GESTIONE DEL TERRITORIO.  Un punto di forza è la ripresa turistica, che pur con  le ripercussioni negative legate agli eventi sismici dell’agosto scorso, registra dati eccellenti, anche grazie ad eventi di portata nazionale come il ‘Festival del Medioevo’ appena concluso.  L’apertura della nuova strada di collegamento,  più comoda e veloce verso Perugia, la fase autunnale e invernale ricca di eventi, sapranno  dare nuovo slancio ai flussi e alle presenze turistiche.

Ci siamo impegnati, d’intesa con la Regione Umbria, nel contrastare un’informazione ‘catastrofista’ sui danni provocati dal sisma che non ha minimamente intaccato il nostro territorio. La ‘città di pietra’, che pure ha subito in passato ferite, è in condizioni di stabilità rassicuranti anche se costantemente monitorata da parte di soggetti preposti. Occorre però, tra pubblico e privato, fare ancora più ‘squadra’ per incentivare azioni adeguate e positive di promozione e valorizzazione.  Circa la  gestione rifiuti, stiamo intensificando i controlli dopo l’applicazione delle nuove regole che puntano a differenziare più possibile con la raccolta ‘porta a porta’. Su questo sono però fondamentali  la collaborazione e il senso civico dei cittadini, primi controllori e beneficiari della corretta gestione delle risorse ambientali.

Cercheremo di introdurre  anche ‘incentivi virtuosi’ a vantaggio di chi ‘differenzia’ correttamente. Un fatto è certo, il turista percepisce una città pulita e ben tenuta, forse perché viaggiando può avere termini di confronto con altre città…   Sul  fronte viabilità e parcheggi, siamo davvero alle battute finali per quanto  riguarda la disponibilità a breve dei 106 posti pubblici del multipiano di S. Pietro, con apertura di ascensore di collegamento in via Boncompagni  su  Corso Garibaldi.

Nella manutenzione delle strade, abbiamo  realizzato 18 interventi di riasfaltatura con uno stanziamento di oltre 700 mila euro.  E’ chiaro che a volte paghiamo lungaggini burocratiche nell’affidamento di appalti o imprevisti,  come il  ritrovamento di mosaici nel tratto di via Perugina, che comunque sta arrivando alle battute finali e che ci restituirà, come avvenuto nel tratto già sistemato, una via d’accesso  ampiamente riqualificata e rigenerata.  Anche la revisione degli strumenti di programmazione,  come il Piano Regolatore Generale, è entrata nella fase cruciale con  il Regolamento Edilizio e quello sul Pubblico Ornato in fase di approvazione e che darà indicazioni certe sulla dimensione estetica della città.  MOBILITA’ ALTERNATIVA,  PROGETTI DI RISALITA VERSO L’ACROPOLI.

Sulla mobilità,  è stato accumulato in passato  un  ritardo rispetto ad altri centri storici già pedonalizzati, con difficoltà legate anche alla particolare conformazione urbanistica della città.  Ma stiamo accelerando l’attivazione dell’APU – Aree Pedonali Urbane come previsto dal QSV,  con una fase di partecipazione e condivisione con i cittadini, poiché le piazze, come  quella di S. Giovanni, vanno restituite definitivamente alla godibilità dei pedoni e liberate dalle automobili.

La  strategia  di utilizzo e rilancio degli edifici pubblici della città,  sulla quale stiamo lavorando  (ex Ospedale con polo della Salute e uffici comunali, S. Benedetto con l’Università, riapertura della Centro Servizi, ritorno della LUMSA all’ex Seminario),  è collegata al  progetto denominato ‘Corridoio di risalita verso l’acropoli’, che bene illustra la strategia per il superamento della verticalità e del dislivello urbanistico  dalla parte bassa alla parte alta della città, dove già esistono i due ascensori.

Per completare il percorso,  al fine di abbattere ulteriormente le barriere architettoniche,  sono previsti altri due collegamenti, il primo attraverso le ‘Logge  dei Tiratori’,  tra piazza 40 Martiri e piazza S. Giovanni, il secondo tra quest’ultima e via Baldassini, collegandosi  agli ascensori esistenti.  E’ un’operazione che chiude il cerchio,  e ne illustreremo in una prossima conferenza stampa con i soggetti interessati dal progetto, tutti gli aspetti di novità e di valenza urbanistica.

Sono previsti  all’interno percorsi allestiti come ‘itinerari culturali’, con mostre e spazi di accoglienza arredati.  Il progetto è finanziato per  circa  3 milioni di euro dalla Fondazione Cassa di Risparmio e per  oltre 1 milione di euro dal Comune e prevede, fra l’altro, la completa ripavimentazione di via della Repubblica.  Un altro importante progetto di mobilità alternativa,  è legato alla realizzazione di un percorso ciclo-pedonale con grande valenza paesaggistica e naturalistica,  che recupera il tracciato dell’ex ferrovia dell’Appennino centrale,  già  inserito nel progetto ‘Bicitalia’, la rete ciclabile nazionale, e che si riconnette alla progettualità da tempo avviata dal Comune per la riqualificazione della mobilità urbana in termini di sostenibilità e sicurezza.

La Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia  ha già finanziato il progetto definitivo Montecorona – Mocaiana e il progetto preliminare del tratto Montecorona – Gubbio, con uno stanziamento di 1 milione di euro nel triennio 2017/2019.  PROSPETTIVE FUTURE. Per gli altri anni di mandato, contiamo di completare la gran parte degli obiettivi che ci siamo posti come ‘agenda urbana’ e abbiamo chiaro il cammino da percorrere in tema di sviluppo sostenibile, incentivazione del turismo come vocazione territoriale, rilancio dell’economia legata alla valorizzazione dei beni monumentali e ambientali e politiche per i giovani che passano attraverso la cultura, il rilancio dell’artigianato come fonte di nuove attività e il rilancio dell’immagine della città.

La possibilità di realizzare tutto questo non sta solo nelle  nostre capacità e azioni di governo ma anche sulla risposta che una comunità intera sa dare, come sta avvenendo, progettando il proprio futuro in maniera consapevole e partecipata ».

APPUNTAMENTO  A TEATRO CON IL MELODRAMMA ‘ELISIR  D’AMORE’ PROMOSSO  DALL’ASSOCIAZIONE ‘POCKET OPERA’ 

Appuntamento al Teatro Comunale ‘L. Ronconi,  lunedì 31 ottobre  alle ore 21, con la proposta musicale  dell’associazione ‘Pocket Opera’, che riguarda la messa in scena dell’opera lirica ‘Elisir d’Amore’ di Donizetti, e che registra il patrocinio, tra gli altri, del Senato e del Ministero Beni Culturali.   L’evento è stato presentato questa mattina in Comune a Gubbio, presenti il sindaco Filippo Mario Stirati, il senatore Aldo Sartori presidente dell’associazione e promotore dell’iniziativa, l’assessore alla cultura del Comune  di Cagli Maria Assunta Valeri e il direttore  Sandro Pascucci del Teatro  della cittadina marchigiana,  dove si terrà la replica dell’opera  venerdì 11 novembre, sempre alle 21.

Sartori ha ricordato l’impegno dell’associazione e ha illustrato le collaborazioni ma soprattutto  la novità della formula ‘tascabile’ con brani recitati, un’operazione   che avvicina il ‘bel canto’ al vasto pubblico,  nell’intento di educazione musicale e divertimento.  Pascucci ha sottolineato l’originalità della proposta che sa rilanciare, senza tradirne lo spirito,  un genere molto diffuso ma ormai abbandonato, anche per i costi di produzione elevati  e l’assessore Valeri ha espresso il proprio plauso all’idea  dell’associazione ‘Pocket Opera’, in un’ottica di scambi proficui tra Umbria e Marche.

Il sindaco ha espresso  piacere e  apprezzamento per la nuova proposta di ‘Pocket Opera’,   « che prosegue un meritevole cammino nel portare all’attenzione del pubblico, soprattutto giovanile,  il ‘bel canto italiano’,  un genere musicale che ha conosciuto anche a Gubbio una lunga e  feconda tradizione. Questa  grande rispondenza nel tessuto civile e culturale eugubino, ha rappresentato fra l’altro la spinta propulsiva per la costruzione del teatro cittadino, che ha avuto l’onore di ospitare grandi celebrità come Beniamino Gigli, e dove è stata tenuta viva, in anni lontani, la tradizione di celebrare il 16 maggio con un’opera lirica, la ricorrenza del Patrono S. Ubaldo.   “Adoperiamoci…per l’opera”  contiene l’invito a  risvegliare questa grande tradizione, colta e popolare nel contempo, che ha saputo unire diversi ceti sociali  e ha coinvolto più generazioni, tanto che si sentivano  risuonare di ‘arie’ le strade e le botteghe artigiane di Gubbio, usanza oggi scomparsa.

Senza tradire lo spirito e l’impianto originario,   si  rinnova  il  linguaggio, con una formula più vicina al gusto dei tempi, e con una vis divulgativa capace di renderla apprezzata  da tutti, soprattutto dalle generazioni attuali che nulla o poco sanno di  un  genere musicale, così fondante della nostra tradizione.

Lungimirante, infine,  la scelta di allargare il progetto  ad un ambito territoriale capace di superare i confini locali, secondo logiche di collaborazione oggi vincenti, coinvolgendo un altro Comune amico, come Cagli, unito da un cammino storico e geografico, portando in campo esperienze di crescita e scambi culturali ». Proprio in nome di tali scambi,  ai due sindaci è stato fatto omaggio di raffigurazioni  di Gubbio e di Cagli,  realizzate  dall’artista Nello Teodori che  ha saputo ben interpretare le atmosfere dei due luoghi.

PRESENTAZIONE ALLA SOCIETA’ OPERAIA DELLA PUBBLICAZIONE ‘I LIBELLI – RANGHIASCI FABBRI’  DEL 1862  

Sabato  29  ottobre,  alle  ore 10,45,  presso i  locali della  sede  sociale  della  Società  Operaia,  in  Via  Gabrielli,  si  terrà  la  presentazione  della pubblicazione  “I LIBELLI –  RANGHIASCI  FABBRI”,  curata dal socio Basilio Tinti e dallo storico Fabrizio Cece.  Il libro alza il sipario sulle vicende dello scontro politico nell’estate del 1862, all’indomani dell’Unità d’Italia, e sui contrasti tra due personaggi determinanti per la storia di Gubbio di buona parte del XIX secolo.

Tra  Angelico Fabbri campione risorgimentale, e il marchese Francesco Ranghiasci Brancaleoni espressione dell’appartato conservatore, non era mai corso buon sangue, men che meno dopo il 1960, quando si animò  con una serie di botta e risposta  tramite alcuni opuscoli, a firma di entrambi i protagonisti.  Interverranno il sindaco  Filippo Mario Stirati , il vice presidente del Consiglio  Regionale Marco Vinicio Guasticchi, l’assessore alla Cultura del Comune Augusto Ancillotti. Coordinerà gli interventi  il presidente della Società Operaia  Ulisse Fata.

ALLA ‘LUDOTECA COMUNALE’ LABORATORI CREATIVI E ‘FESTA DEL BRIVIDO’

Laboratori creativi,  sostegno nelle attività scolastiche,  appuntamento con la ‘Festa del Brivido’ in occasione di  Halloween: queste le proposte della ‘Ludoteca Comunale’ per i bambini del territorio.  Lo comunica l’assessore

Gabriele Damiani che spiega:  « Stiamo  ampliando il ventaglio di proposte e accanto alle attività pomeridiane,  il servizio Ludoteca ha avviato anche i progetti rivolti alla scuola con il ‘Ludoscuola’ e il ‘Teatro dei Burattini’, mentre per il laboratorio di letture animate “Un libro per… Volare” proposto in collaborazione con la Biblioteca Sperelliana, le attività inizieranno a partire da gennaio. Anche quest’anno,  le proposte del Servizio Ludoteca alle scuole hanno trovato ampio apprezzamento; hanno aderito infatti ben 89 classi della Scuola dell’ Infanzia e della Scuola Primaria, a conferma dell’interesse che il mondo della scuola rivolge verso i servizi proposti ».

Accanto alle diverse proposte educative, non manca lo spazio per il divertimento,  e per l’undicesimo anno consecutivo la Ludoteca propone la “Festa del Brivido”, che si svolgerà lunedì 31 ottobre presso la sede della Ludoteca, in Piazza Bosone, dalle 16 alle 19. La festa ad ingresso gratuito è aperta a tutti i bambini e bambine tra i 6 e i 12 anni, accompagnati dai genitori o da un adulto responsabile.   Il tema conduttore è “la paura”, come gestirla e come superare con coraggio le prove più insidiose. Attraverso varie postazioni di gioco i bambini e le bambine avranno occasione di esorcizzare paure ricorrenti come quella del buio e dell’inaspettato. Chi supererà le prove proposte da mostri, streghe e fantasmi avrà il diploma di apprendista mago. Accanto ai giochi della paura, non mancheranno attività laboratoriali e uno spazio “Trucchorror” per coloro che vorranno trasformarsi in piccoli mostri.

Alle 18.30 sarà premiata la maschera più spaventosa del pomeriggio.  Si è appena concluso il laboratorio naturalistico “Crea il tuo erbario”,  tenuto dal volontario del Servizio Civile Nazionale Andrea Piergentili, mentre è in fase di svolgimento “Emozioniamoci con l’inchiostro”,  laboratorio creativo per imparare le basi di realizzazione di un fumetto.  Si prosegue poi il 16 novembre con una escursione alla scoperta della storia di Gubbio;  il percorso ludico guidato sarà condotto dagli operatori museali del Museo Diocesano. Non mancheranno laboratori creativi manuali attraverso i quali i bambini potranno sperimentare la tecnica del decoupage per iniziare ad immergersi nella magica atmosfera del Natale.

Le iscrizioni ai laboratori pomeridiani, aperte a bambini a partire dai 6 anni di età,  sono ancora aperte e gli interessati  possono ricevere informazioni visionando il sito Informagiovani  o telefonando ai numeri 075 9237548 o 530.

MODIFICHE ALLA CIRCOLAZIONE PER  ‘MOSTRA DEL TARTUFO’ NEL FINE SETTIMANA 

In occasione della ‘Mostra del Tartufo’ e degli eventi previsti per il fine settimana, il comando di Polizia Municipale ha previsto le seguenti modifiche alla circolazione:  chiusura fisica delle porte di accesso alla città ed  divieto di sosta con rimozione in Via dei Consoli, Via Gattapone e Via XX Settembre, (tratto compreso tra Piazza Grande ed il civico 12, lato destro) nei giorni festivi di domenica 30 ottobre e 1 novembre dalle ore 10 alle ore 19,  nonché nei giorni prefestivi di sabato 29 e lunedì ed il 31 ottobre  dalle ore 15 alle ore 19; è stabilito il divieto di circolazione in Piazza Grande venerdì 28 ottobre, dalle ore 17 alle ore 19 e comunque fino al termine della cerimonia di inaugurazione della Mostra Mercato.

Il parcheggio denominato dell’ex Seminario, nella parte regolamentata a disco orario ed il parcheggio antistante la stazione di partenza della Funivia “Colle Eletto” (di superficie e primo interrato) sono riservati dalle ore 8  del 29 alle ore 20 del 1 novembre  ai veicoli autorizzati alla sosta nella ZTL.

MODIFICHE AL TRAFFICO PER INIZIATIVA DI LETTURA ‘LIBRIAMOCI’

 In occasione della terza edizione della iniziativa nazionale “Libriamoci”, giornata di lettura nelle scuole, venerdì 28 ottobre presso Piazza San Pietro, dalle ore 8 alle ore 13,   si svolgerà una “maratona di lettura” a cura del Polo Liceale ‘G. Mazzatinti’ e della Scuola Secondaria di Primo Grado “Mastro Giorgio Nelli”. Per consentire lo svolgimento in sicurezza dell’iniziativa Largo Alberaioli e Piazza San Pietro saranno interdette alla circolazione.

GRANDE PARTECIPAZIONE ALLA INAUGURAZIONE DEL MEMORIALE CON RELIQUIA DI SAN GIOVANNI PAOLO II NELLA BASILICA DI SANT’UBALDO

E’ stato inaugurato domenica 23 ottobre il memoriale con la reliquia di San Giovanni Paolo II, collocato all’interno della Basilica di sant’Ubaldo. Alla cerimonia religiosa, concelebrata dal vescovo di Gubbio Mario Ceccobelli, dal vescovo emerito Pietro Bottaccioli e dal cappellano dei polacchi d’Italia padre Marian Burniak, un gran numero di fedeli ha gremito la basilica del monte Ingino.  Al termine della celebrazione il vescovo ha benedetto il paliotto, restaurato da Maria Cristina Vinciarelli, all’interno del quale è stata collocata la piccola reliquia del pontefice polacco.

La Reliquia è stata concessa da mons. Stanislao Dziwisz, ex segretario di Giovanni Paolo II e attuale arcivescovo di Cracovia, a seguito di una richiesta inviata dal vescovo di Gubbio, Mario Ceccobelli e dall’associazione “Amici di Polonia in Umbria, in considerazione della grande devozione a San Giovanni Paolo II presente tra i fedeli eugubini, in particolare dopo la lettera inviata nel 1985 al vescovo di Gubbio, Ennio Antonelli, nella quale il Patrono della città, Sant’Ubaldo, veniva definito “uomo di pace, riconciliato e riconciliatore”, affidando nel contempo alla Chiesa Eugubina di “proclamare e realizzare sempre più efficacemente il messaggio di riconciliazione a favore del nostro mondo di oggi”.  Durante il suo saluto, mons. Ceccobelli ha ricordato che Giovanni Paolo II, su invito del vescovo di allora Pietro Bottaccioli, aveva già fissato la data di una sua visita a Gubbio, ma purtroppo dovette desistere perché pochi giorni prima si infortunò cadendo in Vaticano. “Ora con questa reliquia – ha detto Ceccobelli – Giovanni Paolo II starà sempre in mezzo a noi, qui nella basilica del nostro Patrono Sant’Ubaldo”.

Accanto al memoriale con la reliquia, posta nell’ultima navata di destra della Basilica (la stessa dove sono conservati i Ceri durante l’anno), è stata posta una piccola statua in bronzo che raffigura il pontefice polacco realizzata dall’artista eugubino Leo Grilli nel 1987 e donata per l’occasione.

Le celebrazioni si sono concluse con un applauditissimo concerto tenuto dal famoso violinista polacco Vadim Brodski e del pianista Marco Scolastra. Il concerto è stato promosso dall’Associazione “Amici di Polonia in Umbria” con il patrocinio e la collaborazione dell’Ambasciata della Repubblica di Polonia – Ufficio Consolare di Roma, della Regione Umbria e del Comune di Gubbio. Alla intera manifestazione ha partecipato il sindaco di Gubbio  Filippo Mario Stirati, in veste ufficiale con il gonfalone della città e Michael Drozniewsky  primo segretario dell’Ambasciata della Repubblica di Polonia di Roma e la Console del consolato onorario di Ancona, Cristina Gorajski Visconti, oltre alla presidente dell’associazione dei Polacchi d’Italia  Urszula Stefanka Andreini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserisci la risposta corretta per lasciare il tuo commento *