Civita Castellana, Fratelli d’Italia: interrogazione su questione migranti

(NewTuscia) – CIVITA CASTELLANA – I Consiglieri di Fratelli d’Italia Giampieri e Matteucci intervengono sulla situazione migranti con interrogazione al Sindaco di Civita Castellana, protocollata il 25 ottobre 2016 al n. 27731.

Al Presidente del C.C. A. Alessandrini

Al Sindaco Avv. G. Angelelli

Al Segr. Comunale Dott.sa S. Salimbene

Oggetto: Interrogazione URGENTE A RISPOSTA SCRITTA – MIGRANTI

PREMESSO CHE

– Con informativa della Prefettura di Viterbo veniva comunicato in data 23 ottobre 2016 l’arrivo di n. 18  migranti nel Comune di Civita Castellana, presso l’Hotel Sassacci accreditato per il ricevimento di profughi.

CONSIDERATO CHE

– Il dramma mondiale che stiamo vivendo da anni viene vergognosamente sfruttato a fini di lucro da società  e cooperative che gestiscono “l’affare migranti”.

– La particolare situazione socio-economica che stà vivendo il nostro Paese richiederebbe di destinare maggiori contributi ai cittadini disoccupati in chiara difficoltà economica a fronte degli ormai famosi 35 Euro giornalieri previsti per i migranti e richiedenti asilo.

– La cittadinanza sta manifestando seria preoccupazione per i concreti rischi di possibili contagi visto il recentissimo caso riscontrato nel centro di accoglienza e richiedenti asilo di Viterbo.

– I sottoscritti Luca Giampieri e Giulia Matteucci in qualità di Consiglieri Comunali di Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale di Civita Castellana

RICHIEDONO

– Quante donne e minorenni siano presenti tra le 18 persone in arrivo.

– Quanti migranti può ospitare la predetta struttura accreditata.

– Se esistono a tutt’oggi altre strutture nel territorio del Comune di Civita Castellana accreditate per il ricevimento di profughi.

– Qual è il rapporto migranti / cittadinanza vigente.

– Se i 18 migranti in arrivo abbiano svolto tutti gli screening sanitari di primo e secondo livello richiesti e se si con quali risultati.

Gruppo Consiliare FdI-AN Civita Castellana

Luca Giampieri

Giulia Matteucci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *