Installazione videosorveglianza sopra tetto di un privato a Pescia Romana, Mazzoni (Pd): “Perché non è stato compensato?”

quinto mazzoni pd montalto
Quinto Mazzoni, segretario Pd Montalto e Pescia Romana

(NewTuscia) – PESCIA ROMANA (MONTALTO DI CASTRO) – Il Segretario del circolo PD di Montalto e Pescia Romana Quinto Mazzoni intende portare alla luce e risolvere tutte le varie problematiche che gli vengono evidenziate dai numerosi cittadini delusi, infuriati, che sempre più si rivolgono allo stesso per essere tutelati nei confronti di abusi e ingiustizie da parte di questa Amministrazione guidata dal sindaco Caci.

Intendo altresì far chiarezza su alcune vicende che riguardano Pescia Romana, questa volta la storia ha inizio nell’ Aprile 2015, come anche riportato nell’atto protocollato nel gennaio 2016 dalla Polizia Locale la quale faceva un sopralluogo  dove si evinceva l’installazione di un sistema di trasmissione di videosorveglianza comunale per  mezzo della ditta Entraincittà S.R.L di Civitavecchia (con la quale il comune ha stipulato regolare contratto di installazione e assistenza) posto sul tetto di un  immobile privato in Strada delle Graticciare, servizio usato anche dalle Forze dell’ Ordine per la  tutela dei cittadini.

Ad oggi non è stato stipulato alcun contratto tra il proprietario e il comune diventando quest’ ultimo oneroso nei suoi confronti, tranne per la solita battuta “CI PENSO IO” causando allo stesso un dispendio di denaro per il consumo di elettricità per il servizio di videosorveglianza, oltre ad avere concesso la disponibilità di un proprio locale per il posizionamento dei Modem, atti al corretto funzionamento dello stesso impianto.

Una situazione che nonostante lettere e solleciti verbali inviate all’ amministrazione e alla Polizia Locale (responsabili tra l’altro della videosorveglianza comunale), a oggi non è stata ancora risolta. In sede di colloquio lo stesso comandante della Pvideosorveglianza1montaltoolizia Locale, motivava la non risoluzione del problema per mancanza di fondi, senza proporre ulteriori possibili soluzioni. Il proprietario faceva presente che in mancanza di un regolare contratto era a rischio di controlli e di denuncia da parte degli enti preposti, causa nessun titolo formale che giustificasse la presenza di antenne poste sul tetto privato vedendosi costretto passati 7 gg ad videosorveglianza2montaltoagire per vie legali e interrompere il servizio. Ancora oggi funzionante esclusivamente solo per il senso civico del proprietario. Oltretutto mi chiedo per quale motivo nonostante la disponibilità data dal privato per sfruttare lo stesso traliccio per istallare la rete Wi-Fi alla Marina di Pescia Romana. La stessa Amministrazione ha tanto pubblicizzato la suddetta copertura della rete ma ci risulta che a Pescia non è funzionante, sapete perché?  Sempre lo stesso problema.

La causa del non funzionamento è il distacco dell’alimentazione elettrica degli apparati installati dal comune sul tetto di un privato anch’esso senza contratto e compenso, assurdo come questa amministrazione gestisca la cosa pubblica come se fossimo nel medioevo promettendo contratti e rimborsi per i consumi elettrici e locazioni che mai arriveranno.  Sindaco lo sa che quando un ente pubblico usufruisce di un servizio di un privato per il bene collettivo senza corrispondere il dovuto si configura come “arricchimento indebito” (cioè il comune usufruisce di un servizio di pubblica utilità pagato dal cittadino). Il proprietario dell’immobile venuto a conoscenza di una delibera datata Luglio 2015 prot. Nr 14567 dove riportava la richiesta da parte della Soc. H 3G S.p.A, per l’istallazione alla locazione di apparati, antenne e parabole per la comunicazione mobile sul territorio. La Società per il servizio corrispondeva € 9.500,00 per ogni apparato.  È bene precisare che di queste antenne e parabole per la c

opertura del servizio di comunicazione mobile sul territorio ce ne sono diverse e di vari gestori che vanno ad aumentare gli introiti del Comune.

Deve capire Sindaco, per il ruolo che ricopre oltre ai privilegi e la visibilità che gli sono riconosciuti, lei ha anche il dovere di tutelare i cittadini tutti.

Noi adotteremo una politica che non nasconde gli avvenimenti accaduti per paura di perdere voti, ma il nostro impegno è quello di portare alla luce tutti i fatti che riguardano il nostro paese. La politica deve ritornare ad occuparsi realmente della gente che ogni giorno è chiamata ad affrontare problematiche serie e reali.

Quinto Mazzoni

Segretario PD Montalto di Castro e Pescia