Terme di Vulci, il fiore all’occhiello della Tuscia

loading...

(NewTuscia) – CANINO – Negli ultimi due giorni un assaggio delle nuovissime piscine delle Terme di Vulci, una preapertura eccezionale dedicata a salutare i primi ospiti della struttura che promette di rilanciare l’economia e il turismo, di quello buono, nella zona di Canino e Montalto di Castro.

A 15 minuti dalle spiagge di Montalto e 10 da Canino si apre il paradiso: acque caldissime, piscine ampie e di diverse gradazioni di temperatura hanno accolto i numerosi pionieri delle tanto sospirate Terme di Vulci.

L’accoglienza cordiale e familiare dei titolari ci ha dato una ottima sensazione. Ancora c’è poco, solo due fabbricati in legno per i servizi essenziali e un simpatico bar si aprono sulle tre meravigliose piscine di 2.500 mq per ora funzionanti, ma già all’entrata si può consultare il progetto che vede una club house, un albergo con 67 camere e 5 suite, un’area dedicata al benessere, bar, ristorante e altre strutture ricettive: il tutto poco lontano dal Parco Archeologico di Vulci e dal Museo Etrusco, ospitato nel castello di Vulci.

progettoterme-vulci
I numeri ci sono tutti per avere un polo turistico di eccezionale valore culturale, paesaggistico, termale e non ultimo enogastronomico, con le innumerevoli attività che la nostra cara Maremma offre.

Prestissimo l’apertura ufficiale che permetterà a tutti di godere delle proprietà di queste acque certificate dal Ministero della Salute per curare malattie artroreumatiche, dermatologiche e le flebopatie, ricordando che posseggono sali minerali in abbondanza e risultano bicarbonate, solfate, calciate, fluorate, ferruginose, acidule e sono microbiologicamente pure sgorgando a più di 40° dalla terra.

terme-vulci1

Si può dire che davvero nulla hanno da invidiare a stabilimenti termali ben più famosi, solo un po’ di tempo e dovremo pensare a gestire il traffico a Vulci, speriamo selezionato, chiaro.

Paolo Settimelli e Elisabetta Lupetti

terme-vulci3

terme-vulci2