Lepidini (PD): “Sindaca Raggi, perchè la Muraro é intoccabile?

(NewTuscia) – ROMA – “E’ ormai evidente che nel caso Muraro ciò che si profila con estrema evidenza sono i rapporti anche recenti intercorsi tra l’Assessore all’ambiennte e il “re della Monnezza”, Manlio Cerroni. Perchè la sindaca Virginia Raggi continua a difendere il posto della Muraro? C’è qualcosa di cui l’opinione pubblica non è ancora venuta a conoscenza? Perchè la prima cittadina della Capitale, dopo aver nascosto di essere a conoscenza delle indagini sulla Muraro, finge di ignorare le implicazioni etiche e politiche di questi rapporti al di là delle valutazioni dei P.m.?” E’ quanto afferma il consigliere Pd Alessandro Lepidini al IX Municipio di Roma Capitale .

“E’ politicamente inammissibile – prosegue il consigliere dem – che chi ancora oggi favorisca Cerroni, responsabile di incalcolabili danni ambientali per questa città, possa continuare ad essere l’assessore all’Ambiente di Roma Capitale. Se poi ricordiamo che la Muraro è indagata nei filoni d’indagine da parte della procura di Roma relativi all’accordo forfettario sui rifiuti conferiti nel tritovagliatore di Cerroni,  alla consulenza prestata dalla Muraro a Cerroni e pagata 22 mila euro e agli impianti non a norma su cui avrebbe dovuto vigilare la stessa Muraro, è eticamente insostenibile il suo incarico.” 

“Ma il Movimento 5 Stelle non si proclamava l’alfiere della trasparenza e dell’onestà? Come pretende chi in campagna elettorale annunciava di voler cambiare tutto a Roma fare questo, dando incarichi a persone che hanno svolto un ruolo di consulenza fondamentale in Ama per oltre 10 anni? Chiedo – conclude Lepidini – alla sindaca Raggi che al di là delle valutazione dei Pm revochi subito la nomina di questo assessore perchè è ormai  un atto dovuto soprattutto nei confronti dei territori e dei cittadini violentati da irreversibili scempi ambientali”.