Azione studentesca sull’espulsione del Jihadista da Viterbo

loading...
(NewTuscia) – VITERBO – “Apprendiamo ora- dichiarano i ragazzi di Azione Studentesca Viterbo- dell’espulsione di un cittadino Libico, accusato di terrorismo di matrice islamica, da Viterbo.
Le nostre reazioni non possono che essere quelle di sgomento e forse, come un po’ tutti gli Italiani, anche di paura.
Ma la paura non serve, è comprensibile, ma non serve. Quello che serve invece -Continua AS VT- è una linea dura, di opposizione seria allo Stato Islamico e ai gruppi ribelli siriani, dipinti dai media occidentali come moderati  ma che, in realtà, sono legati ad Al-Qaeda ed altri gruppi minoritari estremisti.
Non si può continuare a considerare il terrorismo come qualcosa di lontano e alieno rispetto all’Italia, ma come qualcosa di possibile e da contrastare con ogni forza.
Si deve capire- conclude Azione Studentesca Viterbo- che è giunta l’ora di sostenere il presidente Siriano Bashar Al-Assad, unico serio avamposto per un Medio-Oriente laico e indipendente.”