Conferma successo per la rassegna ‘Summer Festival’ chiusa da concerti di giovani talenti

(NewTuscia) – GUBBIO –

La 27^ edizione della manifestazione si è conclusa sabato 6 agosto,  con un doppio concerto di giovani talenti

“ Il  ‘Summer Festival’ si conferma un successo – commenta il direttore artistico   Katia Ghigi –  e  Gubbio è davvero capitale internazionale della formazione musicale.  Siamo molto soddisfatti per come è andata: concerti da tutto esaurito e una straorgubbiodinaria partecipazione di studenti da tutto il mondo, con 200 allievi arrivati in Umbria da 16 Paesi.  Particolarmente apprezzate l’esperienza formativa e umana e le bellezze della città dei Ceri ».    Anche questa edizione 2016   ha fatto diventare per due settimane la città dei Ceri una vera e propria capitale mondiale del concertismo. “Siamo estremamente soddisfatti per come è andata – prosegue Katia Ghigi  – sia per i concerti che per le masterclass. Gli appuntamenti per il pubblico, tutti di altissimo livello, sono stati molto seguiti, con una partecipazione numerosa e attenta. Allo stesso modo molto apprezzate  le lezioni, tenute da docenti di fama mondiale come Felice Cusano, Mario Caroli, Vadim Brodski e Gabriele Mirabassi ”. Numeri alla mano, i 18 concerti dei docenti proposti per la città hanno registrato quasi sempre il tutto esaurito, così come le 30 esibizioni degli studenti. Accanto a questi appuntamenti “ufficiali”, vanno poi ricordati anche i concerti straordinari e quelli “a sorpresa”, nati spesso dall’incontro tra studenti e maestri, e la grande novità dell’edizione 2016, cioè le iniziative del progetto “Generazioni a confronto”: ad aprire i concerti in cartellone, infatti, sono stati chiamati di volta in volta meritevoli solisti e nuovi gruppi. “Vorrei sottolineare –  ribadisce Ghigi – anche l’ottimo livello degli studenti arrivati a Gubbio da tutto il mondo (Giappone, Brasile, Russia, Messico, Argentina, Usa, Inghilterra, Svizzera, Germania, Francia, Spagna, Polonia, Cina, Corea e, per la prima volta quest’anno, anche da Turchia e Malta ndr), giovani talentuosi e in molti casi già vincitori di importanti riconoscimenti internazionali, che hanno scelto la nostra città e il nostro Festival per perfezionarsi e confrontarsi con i propri colleghi e con grandi maestri”. Merito anche dell’atmosfera che si crea in città, “con la gioia e il piacere di suonare insieme che si respirano in ogni momento. Un clima così – conclude  il direttore artistico – si vive solo al Gubbio Summer Festival”.  A testimoniare la bontà dell’analisi, anche le impressioni di alcuni studenti. È ad esempio il caso di Bengü Aktan, oboista di Ankara, per cui “le lezioni con il Maestro Christian Schmitt sono state molto belle e interessanti, vorresti che non finissero mai! Anche la nostra pianista accompagnatrice, Alessandra Gentile, è stata molto brava: in una settimana di studio ho imparato molto da loro”. Un entusiasmo condiviso anche da Nikolai Mishchenko, talentuoso pianista russo. “Per me è stata una grande esperienza – spiega – sono molto felice di aver fatto parte del Festival e di lavorare con il maestro Michele Marvulli. Con gli altri allievi della sua masterclass siamo diventati veramente una famiglia pianistica, abbiamo imparato tante cose insieme”. Per questi studenti si tratta anche di un’esperienza molto formativa da un punto di vista umano e non solo artistico. Lo sostiene Santos Daniel Rivera Rodriguez, violista di Città del Messico, per la prima volta a Gubbio: “è stata una bella esperienza, i Maestri sono stati meravigliosi, e mi hanno dato l’opportunità di imparare tante cose, non solo in ambito musicale”. E anche la città di Gubbio, con le sue bellezze architettoniche e le sue vie ha colto nel segno. “Una delle ragione per cui c’era una così bella atmosfera tra di noi studenti è sicuramente la bellezza dei luoghi che hanno ospitato le lezioni”, puntualizza l’oboista israeliana Odelia Hodorov. “L’architettura della città è meravigliosa e ricca di ispirazione – racconta – e mi è piaciuto tantissimo poter passeggiare tra queste vie, scoprire la storia della città e, ogni tanto, raggiungere la natura che circonda Gubbio”.

Ufficio stampa  Filippo Costantini  Mg2 comunicazione – Tel 075 33390 – 328 4675591