STAGIONE TURISTICA ESTIVA, MAZZONI (PD): “A MONTALTO OFFERTA FRAMMENTATA”

quinto_mazzoni_pd_montalto
Il segretario del circolo PD di Montalto e Pescia, Quinto Mazzoni

(NewTuscia) – MONTALTO DI CASTRO – Il litorale Montaltese, ricco di belle cose, dalla natura, alla vegetazione mediterranea, il sole, il mare e al microclima attira ogni anno un gran numero di visitatori. Ormai la parola visitatori prende il posto di turisti. Un turismo di toccata e fuga, quello del fine settimana, che sostituisce quello stanziale.

Negli ultimi anni in tantissime località l’incubo del “tocca e fuggi” è stato sfatato. I turisti usufruendo di servizi spendono più soldi con risultati positivi per gli imprenditori legati al commercio e alla produzione di servizi e aumentano la durata del soggiorno.

Così da un’attenta analisi, risulta che il nostro litorale ha carenza di servizi essenziali, peggiorati negli ultimi tre anni, mancanza di omogeneità organizzativa sulla viabilità, peggioramento dei posti auto, carenza di sensibilità sui diversamente abili(parcheggi in primis), cattivo connubio con associazioni locali per eventi pubblici, villeggianti stanziali proprietari di abitazioni in loco costretti a tornare nelle abitazioni di tutto l’anno per nefandezze di valutazion politiche irriguardose.

Dulcis in fundo notiamo con piacere, che ai bei marciapiedi, alle belle strade, le uniche fatte quelle visibili e per lo più con soldi della regione, e le altre per aver indebitato ogni singolo abitante del nostro comune per almeno circa 20 anni, la presenza amministrativa insiste con “scandali” a cielo aperto.

Quest’anno, con forme e modi a dir poco comici, si inizia la sagra dei ridicoli.

Si tratta di episodi, di un tentativo di voler organizzare servizi ai villeggianti, con il risultato di cercare di accontentare delle inadeguatezze facendole passare per piccoli snack, o friggitorie, o non sappiamo come altro definirle.

Il luogo è ubicato a Pescia Romana, il sito è l’entrata di Costa Selvaggia. Un numero infinito di lamentele, sia per l’ubicazione, sia per gli scarsi servizi, sia perché costretti ad arrangiarsi come meglio possono, sia in modo naturale, sia in modo inadeguato. Invece di collocarli vicino ad attività in essere, si preferisce lasciarli in mezzo alla strada, sospesi su tronchi per non farli passare come definitivi, quando sarebbe sufficiente farli rendere veramente utili, togliendoli dalla strada, non far occupare spazi per le auto e regolarizzare così un’attività in più per il futuro di questo litorale adeguando zone di passaggio, marciapiedi e altro.

Il passaggio al mare è un altro problema, non ci sono norme di salvaguardia, non esistono zone di passaggio protette per i bambini, per le mamme che ritornano dal mare con passeggini, carichi di giocattoli solo uno spazio macchina per le donne in dolce attesa o neomamme , non ci sono zone di scarico per i fornitori o per chi non vuole portarsi le cose in spalla dai parcheggi in mezzo ai campi ….solo una mini-rotonda allo sbocco del mare con tre sassi in pila, uno sopra l’altro dove tutti si accalcano con le auto e dove spesso qualcuno non riesce neanche a fare manovra. Questo per far capire che non basta un “pensarci” a risolvere tali situazioni, serve ben altro, si chiama capacità.

Così alle lamentele di Marina di Montalto, si sommano quelle di Costa Selvaggia, dei turisti, e non per un fattore comune che poteva essere il rumore, ma il fattore comune ai due disagi createsi, sono le teste che ci amministrano, che giustificano ogni volta i loro errori come se fossero cose normali, e quando qualcuno cerca di far notare che potrebbero essere rimpiazzati per inefficienza, la nostra cara amministrazione, replica dicendo che nulla si muove all’opposizione, e che possono dormire sonni tranquilli per i prossimi 10 anni.

Replichiamo che alle prossime elezioni, in contrapposizione a tale inefficienza, non sarà difficile far riconoscere con i consensi, attraverso la gente, per mezzo di aggregazioni di cittadini, associazioni, partiti gli errori che hanno messo in fila e che avranno come risultato il loro isolamento per la loro stessa incapacità e arroganza.

“Rammentiamo che all’attuale amministrazione, non scriviamo solo per nostro piacere, ma poiché pressati da continui disagi segnalati dai nostri compaesani”.

Quinto Mazzoni Segretario PD Montalto di Castro e Pescia Romana